rotate-mobile
Attualità Vasto

Summit in municipio sul blackout a Vasto: due link per il ristoro e ipotesi di centrale unica dell'energia

L'incontro alla presenza di associazioni di categoria e sindacati per cercare di porre rimedio ai danni subiti ed evitare che una simile situazione possa tornare a verificarsi 

Sono due i punti sottolineati oggi, 26 luglio, dal sindaco di Vasto Francesco Menna nel corso dell’incontro organizzato con giunta, avvocatura comunale, associazioni di categoria e sigle sindacali: come poter ottenere un ristoro dei danni accusati in seguito ai blackout verificatisi in città nel corso della scorsa settimana e come poter evitare che una simile, tragica situazione possa tornare a verificarsi.

Alla riunione hanno preso parte gli assessori Anna Bosco, Paola Cianci, Alessandro d’Elisa, Carlo Della Penna e Licia Fioravante insieme all’avvocato Nicolino Zaccaria, per il consorzio Vasto in centro Marco Corvino e Agostino Di Francesco e Vittorio Melone, Piergiorgio Molino per il consorzio Vivere Vasto marina, Patrizio Lapenna e Simone Lembo per Confesercenti, Silvio Calice per Cna.

Riguardo al primo punto, dal Comune sono stati comunicati due link ufficiali diffusi da Enel da utilizzare per poter accedere alla richiesta di rimborso e verificare il sistema degli indennizzi.

Sul secondo punto Menna è stato invece molto chiaro: Enel distribuzione ha espresso il proprio impegno a venire a Vasto nel prossimo ottobre per illustrare, con video e slide, il progetto innovativo di una centrale unica dell'energia elettrica su Vasto, con la quale garantire maggiore potenza elettrica, riuscendo allo stesso tempo a intervenire facimente in caso di interruzioni.

Nella stessa occasione, Enel esplicherà i tempi di realizzazione della centrale unica.

Il posto in cui realizzarla già c'è: ovvero un terreno in via Don Milani, nei pressi del PalaBcc, oggetto di un contratto notarile datato 15 dicembre 2021 che registra la vendita dell'area per 38mila euro a Enel da parte del Comune.

Menna ha anche ricordato le ore concitate in cui la città è rimasta completamente priva di energia elettrica, sottolineando poi che la causa dei ripetuti blackout è da cercarsi nel surriscaldamento dovuto alle alte temperature e all'alto uso di energia elettrica per alimentare i condizionatori.

«Sicuramente la premura principale è quella di evitare che possa accadere nuovamente un simile disagio, per cui l’urgenza è insistere e controllare la costante manutenzione degli impianti elettrici, oltre che investire sulla costruzione di nuove linee elettriche» ha dichiarato il sindaco.

«Obiettivo dell’incontro era quello di ascoltare le associazioni di categoria, approfondire i problemi riscontrati dai commercianti – ha dichiarato l’assessore alle attività produttive Anna Bosco - e valutare una modalità di azione condivisa e congiunta di azione. In ogni caso se qualcuno ha subìto gravi danni può inviare a mezzo pec specifica richiesta di rimborso o indennizzo al proprio fornitore di energia elettrica o all’ente di distribuzione in base a quanto riportato nel proprio contratto. Stessa cosa farà il Comune per le proprie utenze e ad ulteriore supporto le associazioni di categoria divulgheranno tra i propri associati una scheda informativa, secondo quanto concordato questa mattina».

Il sindaco ha infine ricordato che proseguono a tutt'oggi i lavori in alcuni quartieri per riparare la rete elettrica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Summit in municipio sul blackout a Vasto: due link per il ristoro e ipotesi di centrale unica dell'energia

ChietiToday è in caricamento