Attualità

"Fuori dal nido dell’aquila", il romanzo che racconta la traversata dall’Albania all'Abruzzo

L’autore Shefit Troka, stabilitosi a Guardiagrele, nel suo romanzo racconta le esperienze e le disavventure per poter giungere in Italia, su una zattera

È in uscita a metà novembre il romanzo 'Fuori dal nido dell’aquila', scritto dall’albanese Shefit Troka per Bonfirraro editore.

Troka è nato a Fier,  per lavoro e per scappare dall’Albania nel 1992 attraversa l’Adriatico su una zattera di migranti e giunge in Abruzzo, dove si stabilisce a Guardiagrele.

Il suo è un racconto di grande dolore, di storie di fatiche, di fughe, di percosse, di violenze, di vite sulle carette affondate, come la Kater, o sbarcate, come la Vlora. Il porto, l’approdo. Un nuovo inizio.

"Finiti il comunismo e l’incubo Hoxha, nessuno poté trattenere i ragazzi albanesi, che ora raccontano ai figli, edulcorandola per farla sembrare meno amara, la loro avventura, a bordo di navi cariche all’inverosimile verso la libertà. Fuori dal nido dell’aquila - si legge nella prefazione - è la metafora di una grande rinascita, un campo di battaglia esistenziale dove sono sbocciati i fiori più belli in una delle pagine più drammatiche della recente storia europea, quando le poche miglia di mare che separano l’Albania dalla Puglia, di fatto invalicabili per almeno cinquant’anni, sono diventate in quel frangente il tratto più trafficato al mondo".

"A volte - dice l'autore - nella vita bisogna stare fermi e aspettare, altre bisogna camminare, altre ancora non possiamo fare altro che scappare. Il viaggio per la libertà di un popolo nei ricordi di un giovane, costretto per diventare uomo a reinventare sé stesso".

Un romanzo di stampo neorealista con punte di intimistica poesia del quale Troka è protagonista e voce narrante di un viaggio a ritroso.

Un esordio intenso, esplosivo e travolgente che si rivolge al lettore, inducendolo a spremere la sua vita come un limone, fino a sentirne anche i retrogusti più aspri.

Shefit Troka

Nasce a Fier, in Albania, il 25 giugno 1968. Per lavoro e per scappare dall’Albania nel 1992 attraversa l’Adriatico su una zattera di migranti e giunge in Abruzzo. Si stabilisce a Guardiagrele, in provincia di Chieti. Da ventidue anni lavora in un’azienda metalmeccanica della zona. Pur essendo appassionato di fisica quantistica, ha sempre avuto il desiderio di scrivere.

'Fuori dal nido dell’aquila' è il suo esordio come scrittore.    

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Fuori dal nido dell’aquila", il romanzo che racconta la traversata dall’Albania all'Abruzzo

ChietiToday è in caricamento