rotate-mobile
Attualità

Dimensionamento scolastico, la Cisl Scuola accusa: "Sorprese finali negative, la politica non ascolta i soggetti coinvolti"

Fra le ipotesi della Regione c'è anche l'istituzione dell'omnicomprensivo fra l'agrario di Scerni e l'istituto comprensivo di Monteodorisio, una soluzione su cui non c'è mai stato confronto, né con la dirigenza, né con la Provincia e gli uffici scolastici

Nessuna buona nuova per la provincia di Chieti sul dimensionamento scolastico. La Regione Abruzzo, infatti, nella riunione del tavolo tecnico interistituzionale, ha illustrato la riduzione delle 11 autonomie scolastiche previste dalla Finanziaria 2023 e l'esecuzione della sentenza del Consiglio di Stato per l'istituto omnicomprenisvo di Scerni Casalbordino.

"Sorpresa finale - commenta il segretario generale interregionale Cisl Scuola Abruzzo Molise Davide Desiati - di un processo di dimensionamento scolastico che aveva già collezionato tantissime pecche nell'anno 2023 è l'istituzione dell'omnicomprensivo fra l'agrario di Scerni e l'Ic di Monteodorisio". 

Un'ipotesi che, stando a quanto dice Desiati, non sarebbe mai stata avanzata alla presidenza, né avrebbe comportato momenti ufficiali di confronto con la Provincia, la Regione e gli uffici scolastici. 

"Le sorprese negative sono arrivate - incalza - mentre quelle positive che si auspicavano, come la salvaguardia delle autonomie scolastiche dell'area interna montana, con la conservazione dell'istituto alberghiero di Villa Santa Maria e l'Ic di Quadri, e come la restituzione dell'autonomia scolastica all'Ita di Scerni, per l'unicità dell'offerta formativa sul territorio provinciale, non sono arrivate". 

Desiati accusa la politica abruzzese di "non accetare e a volte non ascoltare i pareri di tutti i soggetti che sono direttamente coinvolti nel sistema scolastico: dai colleghi docenti ai consigli d'istituto, dai dirigenti scolastici alle organizzazioni sindacali". 

L'ipotesi finale di dimensionamento scolastico per la giunta regionale, dunque, riguarda l'unificazione del professionale Pomilio con l'istituto tecnico Galiani-De Sterlich, l'unificazione dell'istituto comprensivo Benedetto Croce di Quadri con l'alberghiero di Villa Santa Maria, l'unificazione dell'istituto omnicomprensivo di Guardiagrele con la direzione didattica di Guardiagrele, l'unificazione dell'istituto comprensivo di Castel Frentano con il d'Annunzio di Lanciano. Inoltre, prevede l'eliminazione dell'Io Scerni Casalbordino, con la ricostituzione dell'istituto comprensivo di Casalbordino e l'accorpamento dell'agrario di Scerni con il comprensivo di Monteodorisio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dimensionamento scolastico, la Cisl Scuola accusa: "Sorprese finali negative, la politica non ascolta i soggetti coinvolti"

ChietiToday è in caricamento