Tutto esaurito per il primo concerto di Natale del Comprensivo 1 con 170 cantanti sul palco

Serata con le più belle e famose melodie natalizie internazionali, con la chiusura affidata a ‘Oh Happy Day’ e ‘Hymn to freedom’, sotto la direzione del maestro Zappone

Un auditorium Chiarini gremito sino all’inverosimile ha accolto e applaudito i 170 protagonisti del primo Concerto di Natale organizzato dall’istituto comprensivo 1 di Chieti e dall’associazione ScuolaCantora del maestro Andrea Zappone, nell’ambito del Progetto d’integrazione Note di Speranza, approvato dal ministero della Pubblica Istruzione.

Erano 100 gli studenti impegnati nell’esibizione, accompagnati dai flautisti e da 70 genitori. Insieme, hanno illuminato la serata con le più belle e famose melodie natalizie internazionali, con la chiusura affidata a ‘Oh Happy Day’ e ‘Hymn to freedom’, sotto la direzione del maestro Zappone e il coordinamento della dirigente scolastica Serafina D’Angelo.

Ha spiegato al pubblico il maestro Zappone:

Note di Speranza è un progetto nato per favorire e divulgare la cultura dell’integrazione attraverso la musica che, essendo un linguaggio universale, ovunque riconosciuto e riconoscibile, rappresenta un elemento di unione e di comunione, di sintesi e di incontro tra culture diverse. In questo senso integrazione di quegli immigrati che, fuggiti da guerra o povertà estrema, stanno trascorrendo un tratto della propria vita nella nostra terra, e che, inevitabilmente, soffrono un gap, ovvero una difficoltà oggettiva a inserirsi nel tessuto sociale, a trovare il proprio spazio. Ma anche integrazione di chi sta vivendo una situazione di detenzione per scontare una pena, dunque persone che hanno sbagliato, ma stanno pagando il proprio errore, e che meritano di essere recuperati e reinseriti nel tessuto quotidiano che ha il dovere di farsi carico della loro accoglienza.

Il progetto è partito lo scorso maggio e ha vissuto un appuntamento fondamentale e indimenticabile il 9 giugno quando il Coro dei bambini e dei genitori dei plessi di Cesarii, Nolli e D’Angelo dell’istituto comprensivo 1, hanno cantato dinanzi a papa Francesco nella Sala Nervi, con gli immigrati dei centri Lapedream ed Emmaus della Caritas Diocesana di Pescara-Penne, gli immigrati del centro di accoglienza Lo Scoiattolodi Pretoro della Sogepa e con i detenuti della casa circondariale di Pescara. Insieme abbiamo cantato l’Inno a Francesco, un brano originale composto da me e dal maestro Francesco Colombaro. E sull’evento è stato realizzato un video che a breve verrà pubblicato.

I concerti di Natale rappresentano dunque la naturale prosecuzione del Progetto Note di Speranza. Il nostro obiettivo nei confronti dei bambini è quello di educare alla solidarietà, alla fratellanza, al mutuo e reciproco aiuto, e i concerti rappresentano un momento formativo di educazione all’essere, più che all’apparire su un palcoscenico, dando disciplina ai bambini che imparano cosa fare e quando farlo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte: muore un giovane di 22 anni, ferita una donna [FOTO]

  • Ascanio Celestini, Lino Guanciale e gli Avion Travel: estate di grandi nomi a Guardiagrele

  • “Morti aspettando la cassa integrazione”: necrologi shock di CasaPound davanti alla sede Inps

  • Assegno familiare: tutti i requisiti per ottenerlo

  • Coronavirus: cinque nuovi casi oggi in Abruzzo, nessuno in provincia di Chieti, ma si registra un decesso

  • Pestaggio fuori dal pub del centro: 23enne in ospedale con fratture al volto, caccia agli aggressori

Torna su
ChietiToday è in caricamento