rotate-mobile
Politica

L'Arta vuole trasferire un’intera sezione nella sede di Chieti ma la politica insorge a Pescara

Il consigliere regionale del Pd, Antonio Blasioli, parla di "scippo": il dislocamento riguarda la sezione “Servizi territoriali, Centro di riferimento per gli agenti fisici, emergenze ambientali, determinazioni in campo, qualità dell’aria”

L’Agenzia regionale per la tutela dell’ambiente (Arta) intende trasferire una sezione da Pescara alla sede di Chieti, in via Piaggio. Lo ha comunicato nei giorni scorsi ai sindacati il direttore Maurizio Dionisio: il trasferimento riguarda la sezione denominata “Servizi territoriali, Centro di riferimento per gli agenti fisici, emergenze ambientali, determinazioni in campo, qualità dell’aria” con i relativi lavoratori.

Da Pescara il consigliere regionale del Pd, Antonio Blasioli, grida all' "ennesimo scippo" ritendendo tale dislocamento in contrasto con le rassicurazioni fornite precedetemente  dall’assessore regionale Campitelli. "A distanza di mesi da quelle rassicurazioni - dichiara Blasioli - apprendiamo dunque della volontà di spostare non singole unità di personale ma un’intera sezione presso il Distretto provinciale teatino. Una decisione che rischia di provocare il depauperamento del Distretto pescarese, che si ritroverebbe ad essere l’unica struttura complessa su base provinciale ad avere meno di tre servizi incardinati, determinando un grave squilibrio fra le province".

A Pescara resterebbero i laboratori e la sede amministrativa dell'Agenzia regionale. Blasioli parla di "una scelta ancora più incomprensibile se si pensa che la sezione in questione si occupa prevalentemente di attività di controllo in relazione all’inquinamento acustico e da campi elettromagnetici. Problematiche che - sostiene il consigliere regionale pescarese - affliggono in particolar modo il litorale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Arta vuole trasferire un’intera sezione nella sede di Chieti ma la politica insorge a Pescara

ChietiToday è in caricamento