menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra: Emiliano Bozzelli, Roberto Di Vincenzo, Enrico di Giuseppantonio, Giuseppe De Marco

Da sinistra: Emiliano Bozzelli, Roberto Di Vincenzo, Enrico di Giuseppantonio, Giuseppe De Marco

Bike to Coast, due giorni per “testare” il percorso della via verde

Greenway della costa dei trabocchi, esperienze europee a confronto in programma venerdì e sabato nei comuni della costa teatina: si parlerà di mobilità dolce e greenway italiane ed europee

Due giorni di incontri e studio in vista dell’avvio dei lavori della pista ciclopedonale della costa dei trabocchi. Si chiama 'Greenway della Costa dei trabocchi, esperienze europee a confronto' l’evento in programma venerdì 24 e sabato 25 novembre che coinvolgerà diversi comuni della costa teatina. 

L’iniziativa è stata presentata questa mattina nella sede della Camera di Commercio di Chieti, organizzatrice dell’evento in collaborazione con Legambiente, l'Associazione Europea delle Greenway e l’Alleanza della Mobilità Dolce e con il patrocinio della Provincia di Chieti, del Ministero del Turismo e Beni Culturali e della Regione Abruzzo.

Due giorni sul tratto costiero della Bike to Coast abruzzese che passa per Francavilla al Mare, Ortona, San Vito Chietino, Rocca San Giovanni, Fossacesia, Torino di Sangro, Casalbordino, Vasto e San Salvo, per parlare di mobilità dolce e di greenways d’Italia e d’Europa, ma anche per conoscere e “testare” il percorso della nuova via verde del Centro Italia.

Si tratta del primo appuntamento di lancio a livello europeo della greenway della Costa dei Trabocchi, al quale parteciperanno esperti di Spagna, Francia, Belgio e Irlanda per raccontare le esperienze dei rispettivi paesi e fare il punto insieme sulle economie della mobilità dolce e sulla riprogettazione del paesaggio in un’ottica di fruizione e di valorizzazione identitaria.

“L’obiettivo dell’evento – ha affermato Roberto Di Vincenzo, presidente della Camera di Commercio di Chieti – è di approfondire come costruire un prodotto turistico territoriale legato alle greenway e analizzare i modelli di gestione possibili della futura pista ciclopedonale della costa dei trabocchi. I prodotti turistici richiedono un concetto comune di impegni ed obiettivi, , e quanto finora costruito a livello di intesa della governance territoriale fa ben sperare”. 

“Legambiente ha sposato da subito la sfida lanciata dalla Camera di Commercio di accompagnare la realizzazione della Via Verde come elemento di bellezza e ricchezza economico, sociale e ambientale per il territorio - ha sottolineato Giuseppe De Marco, presidente di Legambiente Abruzzo - Siamo convinti, ha proseguito De Marco, dell’importanza della dell’economia verde che rappresenta anche un nuovo modello di vita e di opportunità anche per le giovani generazioni”. 

In rappresentanza dei comuni costieri erano presenti Emiliano Bozzelli, sindaco di San Vito Chietino, che ha confermato “l’impegno del comune a partecipare ad ogni iniziativa per la promozione della Costa dei Trabocchi e ha rimarcato la necessità che il progetto di sviluppo della Costa deve diventare un progetto di cittadinanza, per dare il giusto valore al territorio e alle persone” ed Enrico Di Giuseppantonio, sindaco di Fossacesia, che ha ribadito che “fare turismo significa produrre ricchezza ed occupazione in un territorio martoriato dall’abbandono delle grandi industrie. Serve un forte impegno della Regione Abruzzo sulla Costa dei Trabocchi perché può essere il prodotto di punta del turismo abruzzese”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Amaretti abruzzesi: cosa sono e la ricetta per prepararli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento