La festa del vino cotto di Roccamontepiano si sposta dalla piazza ai ristoranti del paese

Il vino cotto e i derivati dell’uva saranno i protagonisti di gustosi piatti, con menù specifici ed economici

Prosegue l'iniziativa che promuove il vino cotto nei ristoranti di Roccamontepiano, organizzata da Comune, associazione Produttori Vino Cotto d’Abruzzo e operatori della ristorazione, qui sotto la nostra Maiella madre. Anche se non si potrà tenere in piazza, saranno i ristoranti del paese a portare avanti la manifestazione, con menù e piatti tradizionali e innovativi in cui il vino cotto e il mosto cotto insaporiscono e rendono uniche le ricette.

La tradizionale rassegna dei sapori d’autunno diventa dunque itinerante, in una forma diversa, più intima e qualitativamente impeccabile, tutti i fine settimana di ottobre e novembre, dal venerdì sera. Si accenderanno da venerdì (30 ottobre) non solo i fornelli, ma anche i caminetti dei tre ristoranti del paese in atmosfera ospitale, sicura e intima, capace di celebrare un autunno particolare, tutto dedicato al palato. È obbligatoria la prenotazione, il rilascio di una autocertificazione come da protocollo sanitario e il distanziamento tra i tavoli e quello dei commensali.

Il vino cotto e i derivati dell’uva saranno così i protagonisti di gustosi piatti, con menù specifici ed economici, per emozionare e illustrare con gusto la riscoperta della tradizione roccolana legata al suo prodotto tipico e di un territorio affascinante.

Di seguito i ristoranti aderenti. 

  • Sabato 24 ottobre - Rist. Brancaleone +39 338 1234289
  • Ogni venerdì, sabato e domenica - Rist. LAÈ Pomaro +39 3939024169
  • Ogni venerdì, sabato e domenica - Rist. Parco Turistico Montepiano +39 3294447645

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Esercenti disperati per la perdita del ponte dell’Immacolata: "Abruzzo unica regione rossa: ristori subito"

Torna su
ChietiToday è in caricamento