rotate-mobile
Cultura

Un convegno per ricordare Emiliano Giancristofaro a quattro mesi dalla scomparsa

L'appuntamento è per lunedì nella sala della Fondazione PescarAbruzzo. Previsti gli interventi di Spedicato Iengo, La Morgia, Bini, Valente e Damiani

Un convegno per ricordare la figura di Emiliano Giancristofaro, studioso abruzzese delle tradizioni e delle culture popolari, tra i più rilevanti del secondo Novecento italiano, scomparso nel giugno scorso a Lanciano, sua città natale.

L'appuntamento con l'iniziativa, dal titolo 'Magnetofono, telecamere e penna-Emiliano Giancristofaro tra ambiente e cultura', è per lunedì 10 ottobre, alle ore 17, nella sala della Fondazione PescarAbruzzo, in corso Umberto, a Pescara. L'evento è promosso dall'associazione Scuola cultura ed arte 'Fulvio Luciani' e dalla Fondazione PescarAbruzzo, con il patrocinio di Italia Nostra Abruzzo, Deputazione di Storia Patria degli Abruzzi e della Rivista Abruzzese.

"Emiliano Giancristofaro - ricordano i promotori del convegno - è stato un docente, uno studioso poliedrico e un intellettuale militante. Ha diretto la prestigiosa Rivista Abruzzese ed è stato direttore editoriale della storica casa editrice Rocco Carabba di Lanciano. È stato tra i fondatori di Italia Nostra in Abruzzo e tra i protagonisti dei movimenti contro l'insediamento dell'industria petrolchimica in Val di Sangro e per la salvaguardia dell'Abbazia di San Giovanni in Venere sulla costa dei trabocchi. Ha collaborato con la Rai e con le emittenti televisive private Telemax e Tvq, realizzando trasmissioni di grande successo sulle tradizioni popolari abruzzesi. Ha studiato con grande sensibilità il tema della emigrazione abruzzese nel mondo".

I lavori saranno introdotti da Gianni Melilla, dell'associazione Scuola cultura ed arte, a seguire ci saranno i saluti di Pierluigi Vinciguerra, di Italia Nostra, e di Paolo Muzi, di Deputazione di Storia Patria. Poi spazio agli interventi di Eide Spedicato Iengo, della figlia Lia Giancristofaro, Maria Rosaria La Morgia, Antonio Bini, Domenico Valente e Giovanni Damiani. Le conclusioni sono affidate a Nicola Mattoscio, della Fondazione PescarAbruzzo.

L'evento è accreditato dall'Ordine dei giornalisti d'Abruzzo come corso di formazione professionale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un convegno per ricordare Emiliano Giancristofaro a quattro mesi dalla scomparsa

ChietiToday è in caricamento