Auto distrutta dopo l'incidente causato dal cinghiale sulla fondovalle Sangro

La disavventura di un operaio rimasto miracolosamente illeso mentre rientrava dal turno pomeridiano. Il grido d'allarme del sindaco di Roccascalegna: "Nonostante i nostri appelli non cambia niente"

Terribile incidente stradale, ieri sera, sulla superstrada Fondovalle Sangro, qualche centinaio di metri prima dell'uscita di Archi, causato da un cinghiale.

La notizia è stata diffusa dal sindaco di Roccascalegna, Domenico Giangiordano, che da anni, insieme ad altri amministratori della provincia porta avanti il grido d'allarme del territorio per i rischi causati dai grossi ungulati che hanno invaso al territorio. 

L'incidente è avvenuto intorno alle ore 23. Un operaio di ritorno dal turno pomeridiano ha preso in pieno l'animale. Fortunatamente, è rimasto illeso, ma la macchina ha riportato gravissimi danni, da qualche migliaio di euro. 

"Sinceramente sono privo di speranza - si sfoga - Giangiordano - noi sindaci abbiamo provato a cambiare qualcosa, abbiamo scritto, urlato, manifestato. Ma chi potrebbe fare qualcosa rimane immobile. Prima ed ora, tutto uguale: tanti slogan, ma alla fine ci ritroviamo tutti allo stesso punto, i cinghiali continuano a crescere di numero e questi sono i risultati".

"È solo grazie a qualche santo - incalza - che oggi può raccontare ciò che gli è successo, perché siamo nello stesso punto dove qualche anno fa ci fu lo stesso incidente che finì in tragedia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quattro nuovi corsi di laurea all’università “d’Annunzio”

  • Muore a 15 anni dopo lo schianto con lo scooter: terribile lutto a San Giovanni Teatino

  • Coronavirus: ci sono altri 39 positivi, la maggior parte sono migranti ospitati in Abruzzo

  • Referti falsi via WhatsApp dopo gli esami: nei guai una ginecologa della Asl di Chieti

  • Ladri in gioielleria a Megalò, scatta l'allarme e perdono parte dei preziosi lungo i corridoi

  • Tre dipendenti sono positivi al Coronavirus, locale di Fossacesia Marina chiuso per la sanificazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento