menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ex pediatra investita e uccisa da un treno a Milano: Ida Rondinella tornava dai figli a Lanciano

La tragedia ha sconvolto tutta la città. Secondo quanto ricostruito la donna, per non perdere il treno, avrebbe attraversato il binario, ma non è stata vista dal macchinista

Era partita da Genova, dove viveva da qualche anno, per andare dai figli a Lanciano, ma Ida Rondinella in Abruzzo non è mai arrivata. È morta poco dopo essere stata investita da un treno alla stazione centrale di Milano.

Come riporta GenovaToday, l'esatta dinamica dell'accaduto è al vaglio della polizia ferroviaria, ma secondo una prima ricostruzione si sarebbe trattato di un incidente.

La donna di 82 anni, ex pediatra in pensione, mercoledì dopo le 12 avrebbe sbagliato binario posizionandosi sul lato opposto a quello di salita dei passeggeri. Così, per non perdere il treno che l’avrebbe condotta in Abruzzo, ha attraversato il binario con il trolley al seguito.

E proprio in questo frangente è stata travolta dal Freccia Argento 8889 Milano-Lecce. Il macchinista non si era accorto della passeggera e il convoglio l'ha colpita amputandole il braccio e la gamba destra. Una scena drammatica davanti agli occhi di chi era in stazione in quel momento e ha allertato i soccorsi.

Le condizioni della donna sono apparse subito disperate. Ida Rondinella è stata portata al pronto soccorso del Niguarda dove è morta poco dopo. Una tragedia che ha sconvolto la città di Lanciano dove la dottoressa, vedova del docente Mario Milantoni, per anni aveva prestato servizio all’ospedale Renzetti.

Lascia tre figli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento