rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Attualità

Il poeta argentino Daniel Calabrese a passeggio tra le vie di Chieti: i suoi versi dedicati al capoluogo teatino

Il poeta argentino, ospite della quinta edizione di ChietiPoesia e del Centro di Poesia e altri Linguaggi, racconta il suo incontro con la città

Il poeta argentino Daniel Calabrese, ospite della quinta edizione di ChietiPoesia e del Centro di Poesia e altri Linguaggi di Chieti, racconta il suo incontro con la città. 

Daniel Calabrese, poeta argentino nato a Dolores nel 1962. Ha pubblicato, tra gli altri, La faz errante, Premio Alfonsina Storni (1990), Oxidario, Premio Fondo Nazionale delle Arti (2001), Ruta Dos, con prefazione di Raúl Zurita (2017), Premio Rivista di Libri in Cile, finalista al Premio Internazionale Camaiore.

Nel 2022 sono stati pubblicati in Italia Battuta d’arresto e Un cielo per le cose, finalista al Premio Internazionale Città di Sassari. È stato inserito in diverse antologie di poesia latinoamericana e sono stati pubblicati libri con sue poesie in dieci paesi; una parte della sua opera è stata tradotta in italiano, inglese, francese, portoghese, bulgaro, cinese e giapponese. È il fondatore e direttore di "Ærea. Revista Hispanoamericana de Poesía".

Questi suoi versi dedicati al capoluogo teatino:

“Oggi cammino per la prima volta sotto il cielo di Chieti. Vedo la città bilanciarsi sul filo dell'orizzonte abruzzese, trafitto da una brezza che non ha inizio né fine. Mentre vado avanti, le sue strade si aprono come un libro di pietra e mi raccontano i loro sogni più antichi, storie che non entrano in una sola persona, in nessuna valigia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il poeta argentino Daniel Calabrese a passeggio tra le vie di Chieti: i suoi versi dedicati al capoluogo teatino

ChietiToday è in caricamento