rotate-mobile
Attualità

Asperger Abruzzo sospende la manifestazione di protesta in vista dell'incontro con la Asl: "Messe in campo possibili risorse"

"Non è nostra intenzione andare a battere i pugni per ottenere un risultato impossibile, ma ci aspettiamo uno sforzo immediato, notevole e continuo per adeguare questo reparto territoriale oggi in gravissima difficoltà", dice la presidente dell'associazione Benedetti

Sospesa la manifestazione organizzata dall'associazione Asperger Abruzzo per il prossimo 4 dicembre. Dopo una serie di proteste, infatti, l'associazione ha ottenuto un incontro, in programma mercoledì 6 dicembre, con la direzione della Asl Lanciano Vasto Chieti e la Regione Abruzzo. 

"Abbiamo atteso l'ufficialità di questa importante riunione - spiega la presidente Marie Helene Benedetti - per sospendere ufficialmente la manifestazione del 4 dicembre prossimo. Asperger Abruzzo concede con gioia la sospensione momentanea delle sue manifestazioni alla luce di un incontro che sembra essere tutt'altro che di facciata. Il direttore generale, in questo incontro, ha messo in campo molte possibili risorse che hanno la competenza per fronteggiare l'emergenza Neuropsichiatria del nostro territorio, inducendoci a pensare che questa volta non saranno solo “chiacchiere” ma fatti, come chiedevamo".

"Siamo consapevoli - aggiunge - del fatto che in questo momento la Asl è in difficoltà e siamo pronti, come abbiamo sempre fatto, a venir le incontro alle sue possibilità, se quest'ultima userà ogni mezzo per risolvere il gravissimo problema che si è venuto a creare.
Non è nostra intenzione andare a battere i pugni per ottenere un risultato impossibile, ma ci aspettiamo uno sforzo immediato, notevole e continuo per adeguare questo reparto territoriale oggi in gravissima difficoltà".

Sono quattro le richieste su cui l'associazione Asperger Abruzzo è ferma: "Sto totale alla frammentazione messa in atto dal distretto di Vasto; risoluzione delle tre liste di attesa della Neuropsichiatria che si collega al primo punto portandole, forse, a 4 liste d'attesa;  ampliamento degli spazi a partire dalle tre stanze dedicate alla Chirurgia Ambulatoriale; l'acquisizione di personale competente".

"I disagi creati dalla grave condizione dell'attuale servizio di Neuropsichiatria - puntualizza la presidente Benedetti - sono incalcolabili e creano un gravissimo problema su vari fronti: essendo un reparto territoriale, ne sta risentendo tutto il territorio, bambini e famiglie in primis. Inoltre il fabbisogno territoriale, per via della connotazione dei servizi socio-sanitari con progetti sulla transizione all'età adulta e le scuole, a oggi è in difficoltà a causa della mancanza del servizio che, nonostante i grandi sforzi del personale attualmente al suo interno, non riesce a coprire il fabbisogno".

Alla luce delle scelte che verranno prese nella riunione del 6 dicembre e in base alla prosecuzione degli impegni che la Asl "dovrà assumere con costanza continua in modo inarrestabile", Asperger Abruzzo si riserva di decidere se sospendere del tutto le manifestazioni. "Se la Asl si impegnerà seriamente - dichiara la presidente dell'associazione - saremo collaborativi e vigili al suo fianco per sostenerla, controllando che questa volta si arrivi senza attese alla meta risolutiva. Siamo positivi e crediamo fermamente in questo passo che Asl e Regione stanno facendo verso la categoria e terremo l'opinione pubblica costantemente informata di tutto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asperger Abruzzo sospende la manifestazione di protesta in vista dell'incontro con la Asl: "Messe in campo possibili risorse"

ChietiToday è in caricamento