rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Animali

Artrosi nel cane e nel gatto: tutto quello che bisogna sapere

Cos’è l’artrosi nei cani e nei gatti? Come si manifesta e quali sono i trattamenti possibili? Ecco tutto quello che bisogna sapere.

L’artrosi è un problema molto comune nei piccoli animali, così come lo è negli esseri umani.

È stato stimato che circa il 30-50% dei cani e dei gatti sarà affetto da osteoartrite ad un certo punto della loro vita.

La condizione causa una degenerazione a lungo termine delle articolazioni e coinvolge molti tessuti tra cui la cartilagine (le superfici articolari bianche, lucide e a basso attrito), l'osso sotto la cartilagine, la capsula articolare e il liquido nell'articolazione (liquido sinoviale).

A differenza degli esseri umani, dove l’artrosi è solitamente correlata all’invecchiamento e all’usura delle articolazioni, l’osteoartrosi nei cani di solito ha una causa sottostante specifica ed è quindi spesso osservata in età precoce.

Le cause sottostanti possono includere condizioni di sviluppo come displasia del gomito o displasia dell'anca, rottura dei legamenti e problemi traumatici come ossa rotte che coinvolgono un'articolazione, ad es. fratture del condilo omerale.

I gatti sono più comunemente colpiti da “usura” e di conseguenza tendono ad esserne colpiti più tardi nella vita rispetto ai cani.

Alopecia nel gatto: sintomi e cause

Quali sono i segni dell’artrosi?

I segni o sintomi principali dell’artrosi sono rigidità, zoppia e dolore.

Rigidità e zoppia sono spesso evidenti dopo un periodo di riposo. Il dolore articolare associato all’osteoartrosi può manifestarsi in diversi modi, tra cui gemiti, sonno agitato e comportamento alterato (inclusa l’aggressività).

La riluttanza ad arrampicarsi, saltare e fare esercizio sono altri segni aggiuntivi.

Una volta che l'artrosi ha avuto inizio in un'articolazione, non può essere curata e colpirà l'animale per il resto della sua vita. Tuttavia, può essere sostanzialmente divisa in due forme:

  • osteoartrite cronica attiva che provoca dolore e zoppia
  • osteoartrite cronica silente che può causare rigidità ma non dolore o zoppia.

Ai cani piace guardare la tv? Scopriamo cosa vedono e sentono realmente

Come viene diagnosticata e trattata l’artrosi nei cani e nei gatti

Le articolazioni colpite da osteoartrite sono spesso ispessite con una gamma di movimento limitata, e i muscoli dell'arto interessato sono invariabilmente atrofizzati o ridotti di dimensioni.

Per rilevare la problematiche l’animale viene sottoposto a radiografie (raggi X) per diagnosticare l’artrosi ed escludere altre possibili cause.

Poiché l’artrosi non può essere curata facilmente, lo scopo del trattamento è convertire l’artrosi cronica attiva in osteoartrite cronica silente. Non esiste un unico approccio terapeutico che abbia successo, infatti la maggior parte dei cani e dei gatti necessita di un approccio multimodale.

Vengono solitamente prescritti antidolorifici, che a lungo termine possono essere ridotti o interrotti, sebbene in alcuni animali siano necessari farmaci a lungo termine.

I livelli di esercizio sono molto importanti. Inizialmente, quando un'articolazione è dolorante, è necessario ridurre l'esercizio, spesso limitandosi a brevi passeggiate al guinzaglio. A lungo termine, è molto importante aumentare gradualmente l’attività fisica il più possibile.

Ciò consente agli animali domestici di rimanere in forma e attivi e di godere di una buona qualità di vita. Tuttavia, è necessario evitare un'attività eccessiva poiché ciò potrebbe causare la ricomparsa del dolore.

Anche il controllo del peso è molto importante. Gli animali che hanno un peso ideale hanno meno episodi dolorosi e una minore progressione dell’osteoartrosi, rispetto agli animali in sovrappeso.

Cosa succede se nessuno dei trattamenti sembra funzionare?

In alcuni animali l’artrosi può essere così grave che i farmaci risultano inefficaci. In questi casi, si può prendere in considerazione un intervento chirurgico di salvataggio.

Si tratta di interventi relativamente importanti, ma gli animali possono riacquistare un uso eccellente e indolore di un arto e avere un'ottima qualità di vita, soprattutto dopo le protesi dell'anca e del ginocchio.

Articolo originale su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Artrosi nel cane e nel gatto: tutto quello che bisogna sapere

ChietiToday è in caricamento