Sabato, 13 Luglio 2024

VIDEO | D'Amario alla Bit di Milano: "L'Abruzzo ha tutto quello che serve per fare felice un turista"

L'assessore regionale presente allo stand Abruzzo della Borsa internazionale del turismo per parlare della promozione del prodotto turistico legato ai borghi e al turismo esperienziale

Intercettato a Milano in occasione della Bit, l'assessore regionale al Turismo, Daniele D’Amario, parla dell'Abruzzo ai microfoni di Today, spiegando che il territorio abruzzese "ha tutto quello che necessita per fare felice un turista che viene a visitarci, con 133 chilometri di costa, le montagne, i tre parchi nazionali, il parco regionale e tante aree protette che candidano l'Abruzzo a essere anche una meta privilegiata per quanto riguarda il turismo lento, sostenibile, legato ai nostri borghi, alla nostra enogastronomia, ai nostri cammini e ai nostri tracciati per le mountain bike, quindi sicuramente un'offerta a 360° per tutte e quattro le stagioni. Siamo impegnati in una forte opera per cercare di destagionalizzare i flussi turistici che sia d'inverno, grazie ai nostri 500 chilometri di piste innevate, sia d'estate viaggiano con numeri importanti".

D'Amario spiega che la giunta regionale sta cercando "di allargare il periodo di stagionalità del turismo anche all'autunno e alla primavera. Lo facciamo puntando molto sul turismo esperienziale. L'Abruzzo, poi, ha un'enogastronomia d'eccellenza, ovviamente legata molta alla produzione vitivinicola, all'olio, allo zafferano, ai tanti salumi e alla ventricina, che è un prodotto tipico locale, senza dimenticare gli arrosticini. Quindi chi viene qui sa di fare un'esperienza e sa di poter mangiare sano e buono".

L’assessore regionale agli enti locali, Pietro Quaresimale, aggiunge che “lo sviluppo turistico dei borghi passa anche attraverso il potenziamento dei servizi sul territorio. I borghi abruzzesi rappresentano una ricchezza unica ed è per questo che la giunta regionale ha promosso, su iniziativa dell’assessorato agli enti locali, una serie di misure per incentivare la permanenza nei piccoli comuni. Lo spopolamento dei piccoli comuni interni rischia di compromettere ogni forma di sviluppo turistico. La politica intrapresa negli ultimi anni va nella direzione di potenziare i servizi sul territorio per garantire un futuro a territori che hanno grosse potenzialità turistiche”. 

Video popolari

ChietiToday è in caricamento