rotate-mobile
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO I Elezioni regionali 2024: come si vota per il presidente e i consiglieri regionali

Gli elettori della provincia di Chieti eleggeranno 8 componenti dell'assemblea; si può esprimere una doppia preferenza, purché i candidati siano di sesso diverso, ma non è consentito il voto disgiunto

Domenica 10 marzo, dalle ore 7 alle ore 23, si vota in Abruzzo per l’elezione del presidente della Regione e per il rinnovo del consiglio regionale.

Il consiglio regionale, così come previsto dalla legge regionale n. 9/2013, è composto da 31 membri, di cui 7 consiglieri per ciascuna circoscrizione dell’Aquila, di Teramo e di Pescara, e 8 consiglieri per quella di Chieti.

Oltre i 29 consiglieri eletti nelle liste circoscrizionali, entrano a far parte di diritto dell’assemblea, il presidente eletto e il candidato alla carica di presidente che ha conseguito un numero di voti validi immediatamente inferiore.

L’elettore dovrà presentarsi al seggio con un documento di identità valido e la tessera elettorale. Chi non ha la tessera o l’ha smarrita, può richiederla, anche nel giorno della votazione, all’ufficio elettorale del comune di iscrizione nelle liste elettorali.

L’elettore può:

  • votare un candidato presidente, e il voto non si estende alle liste a esso collegate
  • votare una lista, e il voto si estende anche al candidato presidente a essa collegato
  • votare un candidato presidente e una delle liste a esso collegate

L’elettore può esprimere una o due preferenze per i candidati a consigliere della lista prescelta, scrivendo il cognome oppure il nome e il cognome in caso di omonimia.

Se esprime due preferenze, queste devono essere di genere diverso (per una donna e per un uomo, o viceversa, comunque della medesima lista); in caso contrario la seconda preferenza è nulla e resta valida solo la prima.

Non è consentito il voto disgiunto: sarà considerata nulla, la scheda con il voto espresso per un candidato presidente e per una lista diversa da quelle a lui collegate.

Diventa presidente della Regione il candidato alla carica di presidente che ottiene il maggior numero di voti validi.

Video popolari

VIDEO I Elezioni regionali 2024: come si vota per il presidente e i consiglieri regionali

ChietiToday è in caricamento