Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Video|Dimissioni sindaco, Forza Italia: “Non siamo noi i traditori, disponibili a discutere con Di Primio”

Questa mattina in conferenza stampa i cinque consiglieri “ribelli” hanno confermato la loro posizione sul voto di bilancio

 

Si presentano uniti e compatti in conferenza stampa i cinque consiglieri di Forza Italia che assieme ai due colleghi Udc, lunedì scorso in coniglio comunale si sono rifiutati di votare il bilancio previsionale. Una decisione che ha di fatto tolto la possibilità al bilancio di essere approvato e da cui sono successivamente scaturite le dimissioni del sindaco Umberto Di Primio.

I consiglieri forzisti Marco D’Ingiullo, Emiliano Vitale, Maura Micomonaco, Maurizio Costa ed Elisabetta Fusili restano fermi sulle loro posizioni. Si dicono disposti a discutere con il sindaco ma le condizioni perché anche da parte loro arrivi il voto favorevole al bilancio restano le stesse: quattro punti che riguardano Teateservizi, i fondi al teatro Marrucino, la manutenzione straordinaria per le case di proprietà, la situazione del fronte strade di via Gran Sasso. Ai punti elencati si aggiunge la richiesta di dimissioni dell’assessore al Commercio, Carla Di Biase che la settimana scorsa ha riconsegnato le proprie deleghe nelle mani del sindaco.

“Siamo disponibili a incontrare il sindaco ma non ci vengano a dire che siamo “traditori” – dicono i consiglieri di Forza Italia – abbiamo sempre votato a favore in passato, a volte anche contro i nostri principi. Siamo stati sempre leali, non rinneghiamo nulla. Sono altri i “ricattatori” che negli anni è stato giusto mettere alla porta. A noi i giochetti della vecchia politica non interessano. Ora sta al sindaco decidere da che parte stare, con noi nel centro destra o con i tre consiglieri di Chieti. Da capo a sinistra”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ChietiToday è in caricamento