Sensori per indicare i posti disponibili e self service: Tua si affida alla tecnologia per ripartire in sicurezza

Tutti i mezzi sono stati dotati di una serie di dispositivi che garantiscono il distanziamento sociale ed evitano di lasciare passeggeri a piedi

Per il ritorno alla nuova normalità che ci aspetta dopo la fase emergenziale, l'azienda del trasporto pubblico Tua si affida alla tecnologia per migliorare il servizio e garantire la sicurezza di passeggeri e autisti. 

Sui mezzi, infatti, saranno presenti sensori di ultima generazione sui bus per il riconoscimento del profilo delle persone, rete telematica e dispositivi self-service di bordo, indicatori di linea, di destinazione, un sistema di contapersone a bordo dei mezzi per garantire il distanziamento sociale. 

Il sistema, infatti, permette di programmare il numero di posti per ogni mezzo e il limite di quelli utilizzabili, grazie a un'anagrafica impostata prima dell'attivazione del servizio. I sensori ottici sui mezzi, collegati al computer di bordo e alla centrale operativa, consentono di monitorare ingressi, uscite e livello di riempimento di ogni autobus. 

A questo si aggiunge un sistema che consente, in ogni momento, al conducente e alla sala operativa di indicare la disponibilità dei posti sul bus geolocalizzato, fornendo indicazioni precise qualora sia necessaria l'attivazione di una corsa bis. 

I sensori di ultima generazione consentono il riconoscimento del profilo delle persone e si attivano in modo automatico quando la porta di salita viene azionata. Il sistema permette di stabilire qual è l’area monitorata configurabile in modo tale da adattarsi a qualunque tipologia di autobus.

Tutti i dati sono raccolti in cloud e permettono a Tua di avere sempre a disposizione le informazioni di traffico, soprattutto in questo nuovo scenario di mobilità.

“La sicurezza è una priorità assoluta per i nostri dipendenti e per i nostri utenti – dice il presidente Gianfranco Giuliante – e in tempi ristrettissimi abbiamo attuato un sistema poco impattante e flessibile in grado di calcolare il numero delle persone a bordo delle vetture. Questo meccanismo permette anche di avere il minimo impatto possibile riguardo al coinvolgimento dell’autista e rappresenta uno strumento efficace ed immediato per attivare la nostra centrale operativa”.

Altri servizi sono in fase di attivazione per i passeggeri. Su tutti i mezzi ci saranno indicatori di linea e di destinazione, grazie ai quali è possibile fornire informazioni ai passeggeri che sono a terra in maniera automatica. Così, chi è a terra potrà sapere se un bus è già pieno o quanti posti liberi ci sono. 

Dal punto di vista tecnico, gli indicatori sono creati da led bianchi ad elevata leggibilità, la loro luminosità è autoregolata in base all’orario di tramonto/alba e la disposizione del testo è automatica in base ai contenuti, con l’anteprima gestibile anche da remoto.
 
Sempre nell’ottica di rendere un servizio più smart all’utenza, Tua sta implementando su tutti i mezzi i dispositivi self-service di bordo, installati già su una parte della flotta che permettono, tra l’altro, di accettare pagamenti per i titoli di viaggio sia in monete sia con carte e bancomat, ma anche di validare i ticket cartacei e/o elettronici.
 
“La nuova logica di gestione del mondo dei trasporti – conclude il presidente Giuliante – impone di accettare nuove sfide che vanno affrontate senza esitazione ma in modo proattivo. La tecnologia è un elemento strategico che dobbiamo sfruttare a nostro favore per offrire un servizio sicuro e smart ai nostri utenti. Una sfida culturale e una rivoluzione tecnologica che noi vogliamo vincere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Megalò arriva il colosso irlandese Primark

  • L'Abruzzo torna in zona arancione da domenica

  • Esce dal negozio con le scarpe nuove ai piedi, dopo aver messo le vecchie nella scatola: denunciato

  • Focolaio dopo l'uccisione del maiale: a Pizzoferrato salgono a 71 i positivi

  • Allerta meteo della Protezione civile: nevicate fino a quote collinari

  • "Ti pago 100 euro al mese se mi racconti tutto quello che fa il mio ex”: denunciata

Torna su
ChietiToday è in caricamento