A Torricella Peligna la presentazione del romanzo "L'assedio" di Enrico Graziani

Sabato 12 ottobre, alle ore 16.30, nella mediateca “John Fante” di Torricella Peligna, c'è la presentazione del romanzo "L'assedio" di Enrico Graziani, una storia d'amore e di guerra ambientata nella Fortezza di Civitella Del Tronto

Dopo un saluto del sindaco Carmine Ficca, interverrà il senatore Angelo Staniscia. La presentazione sarà moderata da Mimmo Sambuco, alla presenza dell'autore. Le letture di brani del libro saranno affidate a Mariangela Vighi.

Dalla quarta di copertina: 

Come un proiettile, per quanto scagliato da una bocca da fuoco con tutta la potenza immaginabile, descrive sempre una parabola, anche la passione più furiosa presto o tardi perde la sua forza dirompente.

Nel 1860 un giovane ufficiale dell'esercito napoletano, Gabriele, nipote di uno dei martiri della Rivoluzione Partenopea, si trova a prestare servizio nella fortezza di confine di Civitella del Tronto e lì si innamora, ricambiato, di Cinzia, figlia di un notabile locale. Ma anche Anna, vedova di un ufficiale, concepisce per quel giovane un sentimento molto intenso.

A primavera inizia l'avventura garibaldina e di lì a poco entrano in campo anche i sardo-piemontesi. L'esercito borbonico arretra rapidamente, mentre la guarnigione di Civitella, assediata, decide di resistere tanto che la sua bandiera sarà l'ultima a essere ammainata. Così come fanno i contadini del sud, che scatenano una lunga e sanguinosa guerriglia contro gli invasori, i quali rispondono con le innumerevoli fucilazioni di quelli che chiamano indiscriminatamente “briganti”.

Gabriele chiede e ottiene l'incarico delle corveés per il reperimento delle vettovaglie necessarie al forte, perché questo gli dà modo di rivedere le due donne. La vedova lo accoglie, con una passione che lui non aveva mai provato prima, in un piccolo angolo segreto che la sorte ha riservato ai due amanti, mentre tutt'intorno infuria la battaglia.

Il romanzo, se è molto critico verso il carattere di conquista militare che il processo unitario ha assunto, non ripete la vulgata, affermatasi negli ultimi tempi, di un Regno borbonico paese delle meraviglie, di cui anzi denuncia tutta l'arretratezza economica, politica e civile, resa irrimediabile dopo lo sterminio dei grandi intellettuali della Rivoluzione del 1799 e dalla messa al bando delle loro idee.  

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Promozioni, potrebbe interessarti

I più visti

  • "Chieti prima di Chieti": un ciclo di incontri sui personaggi che fecero la storia della città

    • Gratis
    • dal 6 febbraio al 25 giugno 2020
    • Auditorium del Museo Universitario
  • Ficarra & Picone tornano a Chieti: tour per i 25 anni di carriera alla Civitella

    • dal 23 luglio al 23 giugno 2020
    • anfiteatro La Civitella
  • Edizione virtuale di Cantine Aperte con degustazioni e ordini via social con #CantineAperteInsieme

    • Gratis
    • dal 30 al 31 maggio 2020
  • #iomiallenoacasa con Agnese (evento su youtube)

    • Gratis
    • dal 29 marzo al 31 luglio 2020
    • https://www.youtube.com/channel/UCv6hS1gY1EEtLJCGzoO8zGg
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ChietiToday è in caricamento