Maternità per le donne affette da sclerosi multipla, riconoscimento alla Neurologia di Lanciano

Assegnata la "Cicogna", che identifica strutture dove si può trovare il supporto di un team multidisciplinare che valorizza la sinergia tra i vari specialisti coinvolti nella gestione della gravidanza, in particolare neurologo e ginecologo

Riconoscimento per la Neurologia dell'ospedale di Lanciano per i servizi offerti alle donne affette da sclerosi multipla, in particolare per la gravidanza. L'unità operativa è tra i 77 centri di tutta Italia segnalati nell'ambito di "Una cicogna per la sclerosi multipla", il progetto promosso da Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere), con il patrocinio di Associazione italiana sclerosi multipla (Aism) e Società italiana di neurologia (Sin), e il contributo incondizionato di Teva, volto a migliorare l'accessibilità ai servizi erogati dai centri clinici sclerosi multipla e sostenere le donne colpite dalla malattia alla ricerca di una gravidanza. Questi centri adottano un approccio multidisciplinare nel trattamento delle pazienti che vorrebbero diventare mamme, proponendo percorsi clinici dedicati e counselling preconcezionale.

La mappatura dei centri è avvenuta tramite un questionario realizzato in collaborazione con neurologi, psicologi, e ginecologi, volto a verificare la presenza di specifici requisiti, tra cui un team multidisciplinare che possa accompagnare la coppia e in particolare la donna fino al raggiungimento degli obiettivi desiderati.

L'assegnazione della "Cicogna", dunque, identifica strutture dove le donne possono trovare il supporto di un team multidisciplinare che valorizza la sinergia tra i vari specialisti coinvolti nella gestione della gravidanza, in particolare neurologo e ginecologo. Ma ancora più importante è il messaggio che accompagna il progetto: la sclerosi multipla non rappresenta più la negazione del desiderio di maternità, che invece può essere a giusta ragione coltivato e realizzato con il qualificato supporto di un centro che abbia organizzato percorsi dedicati con l'obiettivo di accompagnare la donna dalle fasi del concepimento fino alla nascita del bambino.

La Neurologia di Lanciano, di cui è responsabile Maurizio Maddestra, segue abitualmente circa 400 malati di sclerosi, di cui il 70 per cento donne. Commenta il primario: 

Ringrazio Onda per il riconoscimento, ma ancor più per avere promosso il progetto, che mira a restituire fiducia alle pazienti e a smentire luoghi comuni vissuti spesso come una minaccia. Si può diventare mamme con la sclerosi, che non è una malattia trasmissibile e non interferisce né con la gravidanza né con l'allattamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per fornire informazioni sull'argomento, è disponible online la pubblicazione "Il lungo viaggio della cicogna. Dal desiderio di maternità alla genitorialità nelle donne con sclerosi multipla".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasto e Chieti piangono la scomparsa del professor Domenico Rossi, morto a 50 anni per un malore

  • Paglieta in lutto per Antonella, mamma di tre bambini scomparsa a 34 anni

  • Estate 2020: in spiaggia con la mascherina, sotto l'ombrellone a 1 metro di distanza. Come si andrà al mare

  • Oggi sposi, nonostante il Coronavirus: Jessica e Francesco si sono sposati a Chieti in attesa dei loro gemellini

  • Coronavirus: nessun nuovo caso in provincia di Chieti, ma c'è una persona morta

  • Proprietà e benefici delle fave, da mangiare rigorosamente con “pane onde”

Torna su
ChietiToday è in caricamento