Cocaina nei locali dello Scalo: condannati in tre

Accusati in concorso in detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti titolare e due dipendenti

Si è concluso con tre condanne il processo con rito abbreviato davanti al gup del tribunale di Chieti Luca De Ninis a carico dei fratelli Andrea e Simone Di Muzio e di Michele Montuori, i tre ragazzi di Chieti arrestati lo scorso maggio dalla Squadra Mobile della Questura di Chieti con l'accusa di concorso in detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Il primo è stato condannato a cinque anni e sei mesi di reclusione, il secondo a cinque anni e quattro mesi, mentre Montuori a quattro anni e quattro mesi. 

Gli arresti scaturirono dopo una settimana di appostamenti degli agenti che avevano scoperto un giro di droga in due locali dello Scalo, il The Wanted pub e il Bulldozer steak house di cui Simone Di Muzio era titolare, uno dei quali sarebbe stato utilizzato anche come deposito della sostanza stupefacente da vendere. I locali erano stati sottoposti a sequestro preventivo per un periodo.

Nel corso dell'operazione gli agenti recuperarono circa 224 grammi di cocaina che, immessi sul mercato, avrebbero fruttato oltre 50mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dai tavoli de "La Pecora Nera" al cinema per adulti: il primo film di Marilena Di Stilio

  • Coronavirus, famiglie in isolamento a Pescara dopo contatti con contagiati

  • C'è crisi ma non si trovano i lavoratori da assumere: a Chieti e provincia mancano venditori, camerieri e camionisti

  • Coronavirus, riunione operativa in Regione: obbligo di isolamento per chi ha avuto contatti con le zone rosse

  • Coronavirus: 17enne in isolamento all'ospedale di Vasto, è appena tornata da Padova

  • Anffas Chieti in lutto: è morta la presidente Gabriella Casalvieri

Torna su
ChietiToday è in caricamento