La scherma non vedenti apre agli Under 14: Teate Scherma c'è

Elena Di Girolamo, allenata dai Maestri Teate Scherma, era l'atleta più giovane in gara e ha tenuto alti i colori della città di Chieti e dell'Abruzzo tutto nel corso della competizione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Si è svolta a Napoli, domenica 3 marzo 2019, per la prima volta in Italia, una prova promozionale di scherma non vedenti riservata agli atleti under 14. Presente all'evento anche Teate Scherma Chieti, con l'atleta ipovedente Elena Di Girolamo, cat. Bambine.

La scherma per non vedenti è una realtà assodata ormai per quanto riguarda gli atleti adulti: nata a Modica nel 2010 per iniziativa del M° Giancarlo Puglisi, la branca di questo sport dedicata ad atleti ipovedenti e non vedenti si è gradualmente imposta come una disciplina paralimpica ed è oggi regolamentata dalla Federazione Italia Scherma con un campionato. Sport rivolto finora solamente agli adulti, la scherma per non vedenti ha compiuto oggi un nuovo decisivo passo, con la prima gara in assoluto riservata ad atleti under 14. Si tratta di un primato importante, in quanto apre nuove prospettive ad una disciplina che cresce e conquista sempre più pareri positivi.

Gli apripista sono stati cinque atleti nati tra il 2005 e il 2008, quattro provenienti dalla Campania e una dall'Abruzzo. 
Elena Di Girolamo, allenata dai Maestri Teate Scherma, era l'atleta più giovane in gara e ha tenuto alti i colori della città di Chieti e dell'Abruzzo tutto nel corso della competizione.

La scherma non vedenti unifica le categorie non e ipovedenti imponendo a tutti gli atleti in gara l'utilizzo di una mascherina per coprire gli occhi. La specialità praticata è quella della Spada con le consuete regole, più quella di rendere obbligatorio il contatto tra le armi perché la stoccata sia giudicata valida dall'arbitro. Gli schermidori si muovono su una striscia di metallo leggermente rialzata fissata alla pedana, in modo che possano muoversi facilmente in linea retta e possano rendersi conto di dove si trovano esattamente.

L'esordio non poteva essere dei migliori per Teate Scherma: la portacolori della compagine teatina ha condotto un'ottima gara, conquistando sei vittorie e subendo solamente due sconfitte. Pur essendo la più giovane in gara, Elena Di Girolamo si è piazzata alla fine seconda nella categoria unificata maschile-femminile, prima tra le ragazze.

Torna su
ChietiToday è in caricamento