← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

Buche e crateri in via Filippo Masci: ogni giorno è un'odissea

Redazione

Mappa
Via Filippo Masci · Madonna del Freddo

L’odissea quotidiana degli automobilisti in via Filippo Masci: da mesi la situazione è complicata. Tra buche e crateri il rischio incidenti è dietro l’angolo. Proprio in questo tratto, poche settimane fa, due auto si sono scontrate frontalmente, per fortuna senza conseguenze troppo gravi.

Le condizioni della strada che conduce a Chieti centro sono particolarmente critiche all'altezza del supermercato Todis e al comando dei vigili del fuoco.
Un  vero pericolo per gli automobilisti, costretti a fare virate o a invadere la corsia opposta per evitare le buche profonde, come evidenzia il nostro lettore Simone. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Marrucinorum
    Marrucinorum

    Tutte le strade provinciali sono ridotte a vere mulattiere da Chieti passando per la Val di foro, il Frentano,il Sangro il Vastese ma sopprattutto quelle in entrata ed in uscita ad un capoluogo non possono essere lasciate in queste condizioni.L'unica cosa che sanno dire e che non ci sono i fondi...Basta si faccia intervenire la regione o la stato visto che le province le avete praticamente cancellate o in questa regione i fondi deve prenderli solo la provincia di pescara???

  • Avatar anonimo di Terminator
    Terminator

    Via Masci fa veramente c a g a r e ed è di una pericolosità mostruosa, a tutte le ore..... intanto Inseminator si trastulla con le epistole.

Segnalazioni popolari

  • Segnalazioni

    La lama si stacca durante i lavori e trafigge il vetro dell'auto in sosta: tragedia sfiorata sulla Provinciale

  • Segnalazioni

    Il Pescara calcio ospite all'università per un convegno: i neroverdi non la prendono bene

  • Segnalazioni

    "Bambi" avvistato in città: corre tra le auto al Villaggio Mediterraneo

  • Segnalazioni

    Bufera all'università d'Annunzio sul post dei sostenitori di Stuppia

Torna su
ChietiToday è in caricamento