Lanciano, Ascom attacca il Comune: "I commercianti sono ostacolati"

Il presidente Finardi critica l'intesa tra amministrazione e Soprintendenza sui dehors e chiede un intervento deciso sul commercio

 "Rivedere l’accordo capestro firmato, per quanto riguarda i dehors, il 6 agosto scorso con la Soprintendenza d’Abruzzo. E sulla questione attivare un tavolo in cui coinvolgere enti, istituzioni e associazioni". È quanto chiede al Comune di Lanciano, e in particolare al sindaco Mario Pupillo, Rocco Finardi, imprenditore e presidente di Lanciano dell’associazione Ascom Abruzzo.

“È necessario – dice Finardi – che quel protocollo d’intesa, che pone restrizioni assurde, che penalizzano i commercianti della città, venga rivisto. Anche perché, così restando, per la prossima estate, come sta già avvenendo, si rischia la “migrazione” delle attività verso il litorale”. Finardi ricorda che prima della firma dell’intesa tra amministrazione e Soprintendenza, per regolamentare l’installazione dei dehors nel centro di Lanciano, c’era stata, e questo nel mese di luglio, una riunione tra sindaco e rappresentanti dei commercianti, durante la quale “il primo cittadino – spiega – aveva promesso che ci avrebbe riconvocati e che, insieme a Regione, Provincia, Comuni limitrofi e associazioni di categoria si sarebbe decisa la linea da portare all’attenzione della Sovrintendenza per risolvere il problema dei dehors. A sei mesi da quella dichiarazione – prosegue – non è stata intrapresa alcuna iniziativa, condannando ancora una volta gli esercenti ad una morte lenta e sicura”.

Una situazione che secondo il presidente di Ascom Lanciano è  inaccettabile. "Vedere realtà come Milano, Lecce e altre con dehors collocati ovunque per poter accogliere clienti e turisti – afferma Finardi – mentre qui non se ne parla. Ci ritroveremo all’inizio della stagione estiva a non sapere ancora come organizzarsi”. Il documento siglato con la Soprintendenza, della validità di cinque anni, pone, secondo Ascom, vincoli che penalizzano il commercio. Come quello che sancisce il periodo di permanenza delle strutture che non può 'superare i sei mesi all’anno'. Obbligando, così, ogni anno, gli esercenti a sborsare somme ingenti, migliaia di euro, per la loro installazione e rimozione. Oppure il fatto che su corso Trento e Trieste non possono essere posizionati dehors e, sulla nuova pavimentazione, neppure ombrelloni, tavolini e sedie".

“Bisogna decidere – fa presente Finardi – se Lanciano è città del commercio o no. Se quindi occorre agevolare, o quantomeno non ostacolare chi vi opera e vi investe. È soprattutto è necessario capire quali siano le esigenze impellenti per una rinascita commerciale e cosa serve per far tornare Lanciano appetibile a nuovi investitori. C’è una viabilità incomprensibile, con un Piano traffico incomprensibile, che spaventa persino i residenti, figuriamoci chi sarebbe intenzionato a venire a fare acquisti…”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità abruzzese: si è spenta la dottoressa Mariangela Bellisario

  • Un abruzzese nell'inferno di Wuahn in quarantena per il virus cinese

  • L'infermiere era costretto a mansioni da Oss: condannata l'azienda sanitaria

  • Coronavirus: la circolare del Ministero della Salute per non contrarre il virus cinese

  • In tribunale con gli screenshots delle conversazioni della moglie per provare il tradimento ma viene denunciato

  • Chiesa, cambia il 'Padre nostro', monsignor Forte: "Nuova versione sarà ufficiale dopo Pasqua"

Torna su
ChietiToday è in caricamento