Legnini contesta la ripartizione del Viminale: "Perchè più seggi a M5s che al centrosinistra?"

"Non si può, come la società incaricata dal ministero dell'Interno ipotizza, attribuire più seggi a chi ha preso meno voti" dice il candidato sconfitto che ora guiderà l'opposizione di centrosinistra

"Le notizie apparse sul sito del ministero sulla ripartizione dei seggi non costituiscono nessuna ufficiale attribuzione dei seggi, cosa che spetta alla Corte di Appello. A me 
sembra che la legge regionale, non chiara sul punto, debba essere interpretata provvedendo a non violare il principio costituzionale di eguaglianza del voto. Non si può, come la società incaricata dal ministero dell'Interno ipotizza, attribuire più seggi a chi ha preso meno voti". Ad affermarlo è Giovanni Legnini, commentando in conferenza stampa il risultato elettorale in Abruzzo e sottolineando che sul sito web del Viminale si attribuiscono più seggi al M5s che al centrosinistra.

"Sostenere un'impostazione di questo tipo lo trovo molto singolare - ha detto - rispettiamo il lavoro di chi ha competenza istituzionale e poi faremo le nostre valutazioni".

Il candidato di centrosinistra rispondendo a chi gli chiedeva se ora farà il consigliere di opposizione in consiglio regionale Abruzzo ha poi dichiarato: "Io sono stato eletto consigliere e se dicessi 'mi dimetto' sarebbe un segnale non positivo. Ritengo doveroso andare avanti per guidare l'opposizione di centrosinistra al governo".

Poi l'analisi del voto: "Siamo preoccupati dell'avanzata della destra nella nostra regione e in Italia - ha detto - trainato da risultato molto rilevante della Lega, per gran parte atteso anche se non in questa misura e caratterizzato anche da un utilizzo disinvolto delle funzioni di governo. Noi - ha proseguito - abbiamo ottenuto un risultato importante e significativo che ci legittima a svolgere un ruolo di opposizione incisiva, tutta mirata a coltivare gli interessi dell'Abruzzo, a prestare attenzione ai diritti degli abruzzesi, diritto alla ricostruzione e al lavoro".

Nuovo consiglio regionale:i nomi 

Un risultato positivo secondo Legnini che ha evidenziato di aver ottenuto "una cifra elettorale pari circa al 12% in più rispetto alle politiche dello scorso anno, quando il centrosinistra si posizionò a meno del 20%. I voti del Pd andati al M5s lo sorso anno -spstiene -  sono tornati all'indirizzo della nostra coalizione e, un'altra parte importante, verso la Lega. Dalle urne - ha concluso - escono tre fenomeni: la grande avanzata della Lega, il grande crollo del M5s, l'importante ripresa delle forze del centrosinistra".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Cerca di partire con un documento falso e si finge incinta: arrestata all'aeroporto

  • Salute

    Avis: in aumento i donatori di sangue a Chieti, quasi tremila sacche raccolte

  • Attualità

    Le telecamere di Geo alla scoperta di Rocca San Giovanni e della Costa dei trabocchi

  • Economia

    Inps senza presidente, l'Usb: "A rischio quota 100 e reddito di cittadinanza"

I più letti della settimana

  • Shock all'ospedale: paziente cade dall'undicesimo piano del SS. Annunziata

  • Ex campione di atletica leggera muore lanciandosi dalla finestra dell'ospedale: la procura apre un'inchiesta

  • Si è spento all'improvviso Claudio Micomonaco, impiegato del Comune di Chieti

  • Il ponte che collega Cepagatti a Chieti è pericoloso: scatta la chiusura

  • Giacomo Belli da Chieti ad Amazon: "Vorrei che ci fossero più opportunità per i ragazzi che oggi crescono qui"

  • Acqua di pozzo per la produzione di conserve e condizioni igieniche precarie: stop all'attività di una ditta

Torna su
ChietiToday è in caricamento