Da tutta Italia a Chieti per la direzione nazionale di Meritocrazia Italia

Dirigenti provenienti da tutte le regioni d'Italia si riuniranno all'hotel Parco Paglia, per discutere sui principali e più recenti temi di carattere sociale, economico, politico e normativo

Venerdì 12 luglio, alle ore 15, si terrà a Chieti la direzione nazionale di Meritocrazia Italia, vera e propria rivelazione associativa a carattere socioculturale, che, in poco meno di un anno, annovera già migliaia di iscritti in tutta la penisola e sta rapidamente imponendosi nel panorama nazionale grazie all'attrattività del proprio progetto finalizzato a ridare voce “all'Italia che Merita”.

Dirigenti provenienti da tutte le regioni d'Italia si riuniranno all'hotel Parco Paglia, per discutere sui principali e più recenti temi di carattere sociale, economico, politico e normativo, con il fine di elaborare soluzioni tecniche da mettere a disposizione dell'intera collettività e progettare al contempo il prossimo congresso associativo che si terrà ad Ischia dal 6 all’8 settembre 2019.

La sfida che Meritocrazia Italia intende raccogliere, infatti, è quella di canalizzare la competenza e l'impegno al servizio della cosa pubblica, per creare una società egualitaria, meritevole ed aperta, che consideri le persone in base alle loro qualità, che rimuova gli ostacoli economici e sociali, che premi il merito e non i privilegi, che abbandoni le logiche disegualitarie, clientelari e classiste, per dare spazio alla piena estrinsecazione dell’individuo nel contesto sociale di base e di riferimento.

“Meritocrazia non tende a sostituire chi oggi governa – sottolinea il presidente nazionale di Meritocrazia Italia Walter Mauriello – ma mira, con la propria opera quotidiana, a stimolare una reazione positiva, fattiva e collaborativa del popolo italiano, attraverso un nuovo modo di approcciare le problematiche, finalizzato a migliorare ciò che si fa e non a demolire chi lo fa. Equità sociale, ambiente e merito saranno le sfide del futuro.

Gli italiani sono abituati alla straordinarietà, ma dietro l’obiettivo raggiunto esiste il dovere di ogni giorno, la scelta consapevole del sacrificio, la forza che garantisce una valida e motivata squadra. Meritocrazia vuole allora porsi come megafono di chi crede che l’Italia sia un valore da salvaguardare prima di tutto nella propria dignità, ripartendo dai concetti cardine di educazione e formazione, tutela ambientale ed equità sociale, per ricostruire un sistema valoriale, che possa fungere da modello ed ispirazione per la creazione di una società migliore e più giusta".

Alla presenza del presidente nazionale Walter Mauriello, i lavori verranno aperti dal drigente del consiglio di presidenza, Paolo Patrizio, e dalla coordinatrice regionale di Meritocrazia Italia, Micaela De Cicco, e proseguiranno per tutto il pomeriggio, con l'intervento di vari esponenti del mondo politico ed amministrativo, della società civile, del mondo imprenditoriale, professionale ed accademico, tutti accomunati dall'intima convinzione che “il valore di un'idea sta nel metterla in pratica”.

L'Abruzzo si qualifica dunque, ancora una volta, non solo per la propria centralità geografica, ma anche e soprattutto per la capacità di porsi come fucina intellettuale ed operativa di respiro nazionale.

Potrebbe interessarti

  • Addio Contessa: il cane di quartiere che viveva in via Gran Sasso muore dopo un investimento

  • Teli e canotti per prevenire i danni della grandine: l'ingegno degli abruzzesi fa il giro del web

  • Come tenere lontani i piccioni da casa (e non solo)

  • 4 pizzerie in provincia di Chieti, tra sapori tradizionali e sperimentazioni gourmet

I più letti della settimana

  • Morto davanti agli occhi dei familiari dopo una lite in strada a Pescara, la vittima era di Tollo

  • Si scontra con un'auto durante un sorpasso, gravissimo un motociclista di 26 anni

  • Incidente sul lavoro a Chieti Scalo: un uomo è in gravi condizioni

  • Sorpresi con 2 chili e mezzo di eroina in via Ettore Ianni: spacciatori finiscono in carcere

  • Intrappolato nell'auto dopo l'incidente: muore dopo quattro giorni in ospedale

  • Ferito a una gamba mentre taglia un bidone d'acciaio a Chieti Scalo

Torna su
ChietiToday è in caricamento