Chieti esclusa dai fondi ministeriali per la riqualificazione urbana, che ne sarà dei progetti?

Lo studio presentato in accordo con l'agenzia del Demanio è arrivato 95esimo su 120 Comuni e oggi il capogruppo di Giustizia Sociale Di Paolo chiede chiarezza con un'interrogazione

Il Comune di Chieti non ha ottenuto i fondi per il “Programma straordinario d’intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia”, piazzandosi solo al 95esimo posto su 120 amministrazioni partecipanti. Il progetto di riqualificazione presentato da Chieti, infatti, ha ottenuto soltanto 40 punti, venendo così escluso, visto che solo i primi 24 progetti saranno finanziati.

E oggi il capogruppo di Giustizia Sociale Bruno Di Paolo chiede chiarezza, tramite un’interrogazione a risposta orale avanza al sindaco Umberto Di Primio e all’assessore Raffaele Di Felice. “Una delusione dal sapore del danno per il Comune di Chieti, che ha partecipato al bando con il coinvolgimento dell’Agenzia del Demanio, presentando un ambizioso progetto di fattibilità tecnico economico denominato “Programma straordinario d’intervento per la riqualificazione urbana” dell’importo complessivo di 23 milioni di euro, di cui 15 milioni a carico dell’Agenzia del Demanio per le opere di propria competenza”. 

Il progetto prevedeva la riqualificazione del collegamento pedonale di piazza Falcone e Borsellino, ossia il terminal bus, quella di piazza San Giustino e il completamento delle opere nella ex Caserma Berardi e nell’area della ex scuola media Vicentini. “Si è persa un’occasione d’oro per il rilancio della città - dice Di Paolo - ma, paradossalmente, nessuno sa perché sia successo e se ci siano delle responsabilità”. 

Ecco perché il capogruppo di Giustizia Sociale chiede, in sostanza, che ne sarà di progetti tanto ambiziosi per la riqualificazione del Colle. In particolare, chiede all’amministrazione se “abbia operato correttamente nella predisposizione del progetto presentato o se ci siano state inadempienze e/o mancanze”. Inoltre, vuole sapere se il Comune rinuncerà ai tre ambiti di intervento, se ne porterà avanti almeno uno o tutti, anche soltanto in parte. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di Salvor Hardin
    Salvor Hardin

    Se tre progetti di questa importanza vengono accompagnati, per la copertura, ad una specie di concorso per 24 posti al quale però concorrono in centoventi, la maggioranza dei quali, statisticamente, dovrebbe essere governata dalla stessa parte politica degli esaminatori e con la gran parte con un peso politico nettamente superiore a Chieti, e si sperava di farcela, significa due cose. O siamo di una ipocrisia senza limiti; O siamo completamente scemi. Peraltro Chieti non sarebbe rientrata nei 24 vincenti nemmeno se i 120 partecipanti fossero stati comuni tutti abruzzesi. Sarebbe bastato che il giudizio fosse stato competenza della giunta regionale. In queste cose, di obbiettivo, non c'è nulla di nulla. Conta quanto conti. E Chieti non conta nulla.

  • Non sono e non voglio essere difensore del Sindaco e della sua giunta, e non voglio entrare nel tema specifico che è più tecnico che politico, ma mi domando: se i cittadini di Chieti hanno confermato il Sindaco e coloro che lo hanno accompagnato nella prima consiliatura, ci sarà un motivo. Se le cose non piacciono, tutte le colpe sono sempre degli eletti o dei nominati e degli elettori mai?

  • Avatar anonimo di teatino
    teatino

    Ennesimo FIASCO di Di Primio !

  • Avatar anonimo di Alessandro
    Alessandro

    Caro Di Paolo......si meraviglia ancora???? Nella lunga e travagliata storia della nostra città, nessuno l'ha governata cosi male come in queste ultime due legislature. Una città allo sbando su tutti i  fronti dove ormai data l'incandidabilità dell'attuale sindaco alle prossime elezioni la sta portando solo ad una lenta e atroce agonia incurante dei danni che ha procurato e che lascia ai futuri amministratori. Non ci sono più parole..................ahime'

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Personale di polizia ridotto all'osso per vigilare i centri di accoglienza fuori regione: protesta il Coisp

  • Cronaca

    Il Senato Accademico: via libera al licenziamento di Del Vecchio

  • Politica

    Sostituire l'autovelox di Brecciarola con una postazione mobile di polizia municipale: la proposta di Di Paolo

  • Politica

    "La gestione del trasporto scolastico è illegale": il servizio sotto la lente di ingrandimento dei 5 Stelle

I più letti della settimana

  • Leo Castiglione è il nuovo sindaco di Ortona

  • La nuova giunta di Roccamontepiano si insedia nell'anniversario della "grande frana"

  • Ballottaggio a Ortona: seggi chiusi, la diretta dello spoglio

  • Ballottaggio, Ortona torna alle urne per scegliere il nuovo sindaco tra Castiglione e Marchegiano

  • Sostituire l'autovelox di Brecciarola con una postazione mobile di polizia municipale: la proposta di Di Paolo

  • Ballottaggio a Ortona, l'affluenza alla chiusura dei seggi

Torna su
ChietiToday è in caricamento