Lo “Zafferano di Pizzoferrato”: una start up innovativa con scolari e cittadini

E' il quarto campo esistente in Italia. L’innovazione dello zafferano di Pizzoferrato è quello di essere coltivato con il metodo “Franco Ballone” su un modulo sopraelevato

Parlare di zafferano in Abruzzo, dove viene coltivato da 700 anni, non fa notizia. La novità sta nel metodo, in termini di innovazione di processo.  In provincia di Chieti nasce una sna start-up innovativa per lo “Zafferano di Pizzoferrato”.  

Il Comune di Pizzoferrato, la Cooperativa di Comunità Ajavdé, la prima nata in Abruzzo, il Parco Nazionale della Majella, l’Università D’Annunzio, la Regione Abruzzo e la PAZ, l’Associazione Produttori Zafferano, hanno sperimentato a Pizzoferrato uno “zafferaneto”, con il metodo “Franco Ballone”. 

L’innovazione dello zafferano di Pizzoferrato è quello di essere coltivato con il metodo “Franco Ballone” su un modulo sopraelevato, dove la gestione e raccolta viene svolta in posizione eretta, con un risparmio di lavoro del 60% e con una densità di bulbi maggiore. Infatti essa consente una produzione aumentata di quattro volte nei confronti della coltivazione tradizionale a terra su campo aperto.   Il campo di Pizzoferrato è il quarto campo esistente in Italia, dopo quello ubicato in Lombardia, Lazio e Sicilia.

Il risultato delle analisi di laboratorio ha evidenziato la qualità eccellente dello zafferano di montagna dei Monti Pizzi, ambiente caratterizzato da un peculiare microclima. Al termine delle varie fasi della lavorazione e sperimentazione sarà organizzato a Pizzoferrato un incontro informativo sui risultati raggiunti e su questa nuova tecnica di coltivazione. 

“Al campo sperimentale – racconta il sindaco Palmerino Fagnilli -  hanno partecipato, a vario titolo, non solo molti cittadini, proprio per via della natura della Cooperativa di Comunità, ma anche i giovani e giovanissimi allievi delle scuole di primo e secondo grado del paese. Gli stessi insieme agli insegnanti e grazie alla sensibilità del dirigente dell’istituto comprensivo hanno partecipato anche ad alcuni momenti della raccolta. Lo zafferaneto è aula all’aperto immerso nel foliage autunnale di studio e lavoro. Da questa attività sperimentale di produzione dello zafferano di Pizzoferrato i vari enti, istituti e organizzazioni produttive, intendono lanciare una sfida di qualità per la valorizzazione delle zone marginali, dimostrando economicamente che si può realizzare una nuova economia di territorio, proprio partendo da esso e che la montagna abruzzese delle zone interne non significa e non deve necessariamente essere accostato al concetto di svantaggio. Questa – conclude - è la sfida e questo il senso del progetto delle produzioni locali d‘alta quota voluta dal Comune di Pizzoferrato in collaborazione con le più importanti Istituzioni del territorio abruzzese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in bilico sullo strapiombo, tragedia sfiorata in via della Liberazione

  • Il principe Alberto di Monaco in visita privata alle tenute Masciarelli

  • A fuoco camion che trasportava agrumi: chiusa l'autostrada tra Francavilla e Chieti

  • La troupe della Rai gira sulla Majella per la trasmissione di Alberto Angela

  • Le 4 migliori pasticcerie di Chieti secondo Tripadvisor

  • Sgominata la banda di spacciatori che maneggiava cocaina purissima e aveva legami con la camorra

Torna su
ChietiToday è in caricamento