A Casalincontrada si scoprono le tradizioni popolari con il Ballo del massone

  • Dove
    Case Aceto
    Indirizzo non disponibile
    Casalincontrada
  • Quando
    Dal 16/09/2018 al 16/09/2018
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    10 euro
  • Altre Informazioni
    Sito web
    facebook.com
Immagine d'archivio

Domenica alla scoperta delle tradizioni, il 16 settembre, a Casalincontrada, con Il Ballo del massone, a Case Aceto, in località Colle Petrano, dalle ore 17. In occasione della 22esima edizione della Festa della Terra sarà possibile partecipare a un laboratorio "sperimentale" di archidanza. Le saltarelle, i ritmi allegri e incalzanti della tradizione e i piedi saranno gli strumenti per la preparazione del "massone", un'antica tecnica locale usata nella costruzione delle case di terra. Durante il pomeriggio è previsto anche un laboratorio di manipolazione della terra cruda per bambini e adulti, a cura dell'associazione Terrae Onlus.
Programma

ore 17-20: Officina Popolare Abruzzese
Laboratorio di ballo e sperimentazione di canti e balli legati alla preparazione del massone.
Le saltarelle della Majella e altri balli della tradizione popolare abruzzese.
a cura di Anna Anconitano con la partecipazione di Manuela Iezzi e Valentina Pasi (organetti e voci)
ore 20 Piccolo rinfresco offerto dall'organizzazione e a seguire festa di balli e canti popolari nell'aia delle Case Aceto.

La quota di partecipazione è di 10 euro a persona. Le prenotazioni vanno inviate entro sabato 15 settembre, chiamando il numero 349 7027350 (Anna). Questa iniziativa è stata organizzata in collaborazione con l'associazione Terrae onlus, che coordina le attività del CeDTerra del Comune di Casalincontrada

La tecnica del massone: 
Della tecnica costruttiva del massone abbiamo descrizioni risalenti alla prima metà del novecento che annotano come in Abruzzo e nelle Marche “……. prevale una speciale tecnica edilizia simile a quella del mattone crudo, ma con la differenza che al blocco di argilla man mano messo in opera non viene data una precisa forma geometrica. E’ questa la tecnica del che si effettiva come segue: dopo aver impastato pestando per due o tre giorni anche con l’aiuto di bestie, cretone e paglia, dalla poltiglia così ottenuta si prende con una zappa una quantitativo variabile, che si arrotola a cilindro, avvolgendolo con altra paglia e si pone in opera. I massoni si collocano trasversi rispetto alla lunghezza del muro e l’avvolgimento con la paglia impedisce che si impastino vicendevolmente, formando poi una massa dotata di inferiore elasticità. La forma del massone è grossolanamente cilindrica con spessore medio di una quindicina di centimetri. Sul posto mi è stata più volte confermata la mancanza di dimensioni esatte e tradizionali del massone, perché dipendono dalla zappata che è funzione dello spessore del muro; la forma è poi molto alterata dal fatto che ogni massone, dopo essere stato collocato nel muro presso o sopra gli altri massoni, in piani orizzontali, subisce la pressione effettuata col piede del muratore per evitare gli interstizi. Naturalmente un muro siffatto presenta tutto un irto complesso di sporgenze che viene opportunamente eliminato con l’ausilio di una vanga: la parete che ne risulta è abbastanza liscia ma non a piombo, perché il muro viene rastremato dal basso verso l’alto, per cui dallo spessore di 1 metro di base si può giungere ad uno spessore di cm 50 all’altezza della gronda”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • A San Vito Chietino si celebra il trabocco Turchino

    • Gratis
    • 21 ottobre 2018
    • Sala Consiliare del Comune di San Vito Chietino

I più visti

  • Alla scoperta di Guardiagrele e delle "sise delle monache"

    • 4 novembre 2018
  • Ud'A Irish festival: la d'Annunzio accoglie le matricole in stile irlandese

    • oggi e domani
    • Gratis
    • dal 19 al 20 ottobre 2018
  • Roby Facchinetti e Riccardo Fogli in concerto al teatro Supercinema

    • 10 novembre 2018
    • Teatro Auditorium Supercinema
  • La soprintendenza mette in mostra i tesori dell'archeologia preventiva a Palazzo Zambra

    • Gratis
    • dal 22 settembre 2018 al 6 gennaio 2019
    • Palazzo Zambra
Torna su
ChietiToday è in caricamento