Dopo il terremoto in Abruzzo 52 milioni di danni a stalle e aziende

Le stime di Coldiretti: un milione di ulivi a terra, frane e smottamenti e stalle crollate. "L'attività di allevamento rischia di scomparire insieme alle specialità locali"

Ammontano a 52 milioni di euro i danni indiretti subiti dalle aziende agricole e dalle stalle per l’effetto congiunto delle scosse, della neve e del gelo in Abruzzo. E’ quanto stima la Coldiretti nel sottolineare che i settori più colpiti sono sicuramente quello dell’allevamento di mucche da latte e della pastorizia, ma anche l’allevamento di maiali destinati ai salumi tipici ha subito perdite pesantissime e un vero tsunami si è abbattuto sul settore olivicolo con quasi un milione di piante destinate ai pregiati oli extravergini regionali colpite.

"L’attività di allevamento – sottolinea la Coldiretti -  ora rischia concretamente di scomparire insieme alle specialità locali e con loro la storia e il futuro di una regione che ha nell’agroalimentare una forza trainante dell’economia. In pericolo ci sono specialità conservate da secoli, dal pecorino di Farindola al caciocavallo abruzzese, dalla mortadella di Campotosto al caciofiore aquilano, dalla scamorza abruzzese alla ventricina teramana fino ad arrivare al salame aquila che nell'insieme rappresentano un patrimonio culturale del paese, oltre che una opportunità produttiva e occupazionale insostituibile. Un volano per l’economia del territorio anche dal punto di vista turistico se si considera che, nelle zone particolarmente interessate dagli eventi, ci sono circa 160 agriturismi, molti dei quali già fortemente colpiti dal sisma del 2009".

Ma in difficoltà è l’intero settore turistico che rappresenta uno sbocco di mercato determinante per le specialità alimentare locali che arricchiscono e valorizzano l’offerta vacanziera dell’Abruzzo. "In questa situazione – sottolinea la Coldiretti - è determinante intervenire sulla semplificazione e sulla velocizzazione delle procedure per la ricostruzione che deve andare di pari passo con la ripresa dell’economia che in queste zone significa soprattutto cibo e turismo. Per affrontare questa drammatica emergenza che per l’accavallarsi delle tragedie rischia di passare in secondo piano la Coldiretti sotto il coordinamento di una apposita task force ha avviato numerose iniziative".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Video

      Video I Buon 25 aprile: il ricordo della Resistenza in provincia di Chieti

    • Politica

      L'Anticorruzione ferma il nuovo ospedale ma per D'Alfonso è tutto chiaro

    • Cronaca

      Rapina al distributore di benzina: puntano la pistola e si fanno consegnare i soldi

    • Economia

      La Honda di Atessa produce il milionesimo scooter della sua storia

    I più letti della settimana

    • Riapre il ristorante Bellavista: grande festa il 29 aprile

    • Sinistra Italiana su Sevel: "Si avvii un'indagine sulle condizioni di lavoro dei dipendenti"

    • Ristorante cerca cuoca con esperienza a Chieti

    • Il teatro Marrucino cerca ancora un elettricista

    • Legambiente raccoglie firme contro la cementificazione e racconta nel dossier il caso Megalò

    • A Francavilla si vincono 400 euro per disegnare la prima pagina del calendario di eventi estivi

    Torna su
    ChietiToday è in caricamento