Giornata nazionale dedicata alla salute della donna, Poste annuncia un francobollo celebrativo

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato l'emissione, per venerdì 22 aprile, di un francobollo celebrativo

Poste Italiane comunica che il Ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato l’emissione, per venerdì 22 aprile, di un francobollo celebrativo della Giornata nazionale dedicata alla salute della donna, del valore di € 0,95.

Il francobollo, stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., avrà una tiratura di ottocentomila esemplari e sarà disponibile in tutti gli uffici postali e presso gli sportelli filatelici dedicati, collocati nei seguenti uffici postali: Pescara Centro (corso Vittorio Emanuele II), L’Aquila V.R. (via della Crocetta), Avezzano Centro (via Cavalieri di Vittorio Veneto), Teramo Centro (via Giacomo Paladini), Roseto degli Abruzzi (via Puglie), Giulianova (via Antonio Gramsci), Chieti Centro (via Bertrando e Silvio Spaventa), Ortona Centro (corso Giacomo Matteotti), Lanciano Centro (via Guido Rosato) e Vasto Centro (via Giulio Cesare),.

La vignetta, realizzata da Carla Vittoria Maira, raffigura la silhouette di una donna in primo piano su uno sfondo acquerellato rosa. Completano il francobollo la leggenda “Giornata nazionale salute della donna”, la scritta  “Italia”  e  il valore “€ 0,95”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Prorogate tutte le zone rosse: non si può entrare e uscire fino al 13 aprile

  • Coronavirus, in Abruzzo sono morte altre 10 persone

  • Coronavirus in Abruzzo, Marsilio: "Un pizzico di speranza dai dati dei nuovi contagi"

  • Esce ubriaco nonostante il divieto e si schianta contro una centralina dell'Enel: arrestato

  • Coronavirus, morte altre 13 persone: ci sono anche due teatini e due uomini della provincia

Torna su
ChietiToday è in caricamento