Il semaforo non funziona a Villa Obletter e l'incrocio è pericoloso: nuovo appello alla Provincia

Questa volta arriva dal vicesindaco di San Giovanni Teatino, che chiede al presidente Pupillo di risolvere il problema del semaforo entro 30 giorni

Ancora problemi di sicurezza all'incrocio 'Villa Obletter' in via dei Frentani sia per le precarie condizioni del manto stradale sia, soprattutto, a causa del non funzionamento del semaforo.

A ribadirlo è il vicesindaco di San Giovanni Teatino, Giorgio Di Clemente, che ha segnalato al presidente della Provincia Mario Pupillo e agli amministratori presenti all'Assemblea dei Sindaci della Provincia di Chieti, lo scorso 21 maggio, l'estrema pericolosità dell'incrocio.

"Disservizi che ho più volte posto all'attenzione dell'amministrazione provinciale e che erano stati risolti dalla precedente amministrazione - ricorda Di Clemente, - ora è necessario intervenire con urgenza per la messa in sicurezza di un  incrocio dove transitano molte autovetture di residenti in  Torrevecchia Teatina, San Giovanni Teatino (Fontechiaro da Capo), Chieti e Francavilla".

Di Clemente ha chiesto al presidente Pupillo di attivarsi anche per la manutenzione della strade di competenza provinciale ricadenti nel comune di San Giovanni Teatino, dove tra l'altro non è stato ancora ha effettuato lo sfalcio dell'erba. "In molte strade di competenza provinciale - aggiunge -  la visibilità è ridotta tanto da rendere pericoloso il transito. Entro 30 giorni mi aspetto una risposta adeguata da parte del presidente Pupillo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba di dieci mesi rischia di soffocare al centro commerciale: salvata da un infermiere

  • La simpatia di Alessandra da Chieti conquista la puntata di Avanti un altro

  • Tragico incidente: auto finisce in un fosso a pochi metri dalla cerimonia per Rigopiano, morta una donna di Chieti

  • Trova i ladri in camera da letto mentre gioca alla Play: paura in casa a Vasto Marina

  • Cane investito e ucciso in pieno centro nell'indifferenza, la rabbia dei padroni: "Il responsabile deve pagare"

  • Concorsone infermieri, in arrivo una valanga di ricorsi: "Ci sono anomalie"  

Torna su
ChietiToday è in caricamento