Progetto Mirò: la Sile chiede la sospensiva sulla bocciatura del Comitato Via, ma il Tar dice no

La decisione definitiva sarà presa dunque nell’udienza sul merito del ricorso, per la quale al momento non è stata ancora fissata una data. Il Wwf invoca una presa di posizione della politica

La Sile Costruzioni srl aveva presentato ricorso contro la bocciatura del progetto Mirò, il nuovo centro commerciale di Santa Filomena, da parte del Comitato Via. Ma il tribunale amministrativo ha respinto la richiesta di sospensiva della società. L'ordinanza 41 del 2019 è arrivata subito prima delle festività pasquali, facendo esultare il Wwf, che tramite l'avvocato Francesco Paolo Febbo parla di

Un ulteriore passo in avanti verso la salvaguardia dell’ambiente e della sicurezza.

La Sile (la ditta che ha sostituito la Sirecc nel progetto) aveva chiesto l’annullamento previa sospensiva di diversi pareri del Comitato Via: il 2775/2017, più quello confermativo 2854/2017, che aveva rigettato la richiesta di proroga di un precedente giudizio, risalente al 2012 (e quindi scaduto), e aveva dichiarato improcedibile la richiesta di modifica sostanziale del progetto stesso limitatamente alle opere edili; e il giudizio n. 2915 del 12.06.2018, con cui era stata ancora una volta confermata la decadenza del Giudizio Via n. 1295 del 10.04.2012 e nel quale i Comuni di Cepagatti e Chieti erano stati invitati ad adottare i consequenziali provvedimenti.

Ma il tribunale amministrativo ha detto no, specificando che 

la fissazione dell’udienza di discussione in sede cautelare presuppone che le esigenze del ricorrente siano “apprezzabili favorevolmente”; ritenuto che, ad un sommario esame, i motivi di censura dedotti non appaiono, allo stato, supportati da sufficiente fumus boni iuris, tale da indurre a una ragionevole previsione sull’esito favorevole del ricorso, tenuto conto che, allo stato, non risultano gravate le ordinanze di sospensione dei lavori n. 144 del 13.03.2019 del Comune di Chieti, e n. 8 del 18.03.2019 del Comune di Cepagatti; che, comunque, le predette ordinanze risultano emesse in ottemperanza alla sentenza n. 69/2019 – attualmente non appellata – con cui questo Tar accoglieva il ricorso proposto dalla Regione e per l’effetto annullava la determinazione conclusiva della Conferenza di Servizi Sincrona del 18.4.2018, avente ad oggetto la “voltura” in favore della società ricorrente, quale subentrante, dei titoli abilitativi rilasciati dal Comuni di Chieti e Cepagatti in favore della dante causa Sirecc s.r.l. inerenti i lavori oggetto del giudizio V.I.A. la cui decadenza è oggetto di contestazione nel presente giudizio; che pertanto va respinta la domanda di sospensione dell’esecuzione sopra descritta.

La decisione definitiva sarà presa dunque nell’udienza sul merito del ricorso, per la quale al momento non è stata ancora fissata una data. A questo punto, per la presidente del Wwf Chieti-Pescara Nicoletta Di Francesco

è auspicabile un deciso intervento anche della politica per contribuire a chiudere una volta per sempre questo capitolo. Il Wwf si batte per la salvaguardia dell’ambiente, per il rispetto della legalità e per far sì che dal pericolo generico non si passi all’aumento del rischio per i cittadini continuando a costruire a ridosso di un fiume. Accanto a noi si sono schierate da anni Confcommercio, Confesercenti e Cna a dimostrazione del fatto che in questo caso al danno ambientale e paesaggistico si unisce un danno economico importante per la collettività. Ragioni, le une e le altre, che chi amministra la cosa pubblica non può continuare a ignorare.

Potrebbe interessarti

  • Si cerca uomo scomparso questa mattina a Chieti

  • Voglia notturna di cornetto? Ecco le cornetterie aperte a Chieti

  • Ragno violino: cosa fare in caso di attacco

  • Roccamontepiano, la festa di San Rocco: tra culto e tradizione

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, morti i due ragazzi dispersi in zona Foro

  • Oggi l'ultimo saluto ad Alessandro e Federico, i fratellini annegati a Ferragosto

  • È morta Nadia Toffa, amica di Chieti e dell'Abruzzo

  • L'auto si sfrena e rischia di travolgere i visitatori del mercatino, ma una giovane coraggio la blocca

  • Ortona, due ragazzi dispersi in mare nella zona del Foro

  • Più di 20 mila posti di lavoro in Abruzzo: per un terzo si cercano figure introvabili

Torna su
ChietiToday è in caricamento