La mummia di Karam restaurata a Chieti: il 31 inaugurazione in Libano

Il restauro simbolo della cooperazione scientifica di eccellenza tra Italia e Libano. Il lavoro è stato eseguito da una equipe di esperti dell’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti e Pescara

Il prossimo 31 agosto nella chiesa parrocchiale di Ehden, in Libano, sarà presentato al pubblico il nuovo allestimento della Mummia dell’eroe nazionale Youssef Bey Karam,  primo teorico dell’indipendenza di quel paese, morto durante il suo esilio in Italia nel 1889. La restauro della mummia, che negli ultimi anni aveva subito un grave degrado, è stato eseguito da una equipe di esperti dell’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti e Pescara portando così al totale recupero della preziosa reliquia e alla sua definitiva sistemazione in un’urna di cristallo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un lavoro delicato al quale sono stati chiamati i tecnici italiani sotto la guida del Professor Luigi Capasso, per oltre sei mesi presso l’ospedale di Zgharta. Alla cerimonia inaugurale del 31 agosto sarà presente anche il Magnifico Rettore dell’Università di Chieti, Professor Carmine Di Ilio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dolore e sgomento per la morte di Ottavio De Fazio, il motociclista caduto durante un'uscita

  • Impiegata positiva al Covid-19, chiude ufficio postale di Francavilla al Mare

  • Schianto mortale lungo la Tiburtina: motociclista di Chieti perde la vita

  • In Abruzzo arrivano i Condhotel, stanze d'albergo vendute ai privati

  • Smantellata la rete che riforniva di droga la provincia di Chieti: arrestate 13 persone

  • SpaceX sui cieli di Chieti: emozione per il lancio della navicella nello spazio

Torna su
ChietiToday è in caricamento