Pesca di frodo: 4000 ricci sequestrati e rigettati in mare

Polizia stradale e guardia costiera fermano nella notte tre pescatori sportivi al casello della A14: per loro 4 mila euro di multa

La Sottosezione Polizia Stradale Vasto Sud e la Guardia Costiera di Vasto hanno sequestrato nella notte circa 4000 ricci di mare dall’auto tre pescatori sportivi provenienti dalla Puglia. La Opel Zafira sulla quale viaggiavano è stata fermata al casello di Vasto Sud della A14: a bordo, oltre agli esemplari (secondo la normativa vigente il numero massimo di ricci consentito pescare è di 50 per ogni pescatore sportivo), gli agenti hanno trovato bombole, erogatori e mute per l'immersione che hanno sequestrato.

I tre sono stati sanzionati per pesca di frodo e dovranno pagare 4 mila euro di multa. I ricci, dopo i controlli di competenza del Servizio veterinario dell'Asl Lanciano Vasto Chieti, sono stati rigettati in mare dal personale dell'Ufficio circondariale marittimo di Vasto.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Inaugurato il centro prelievi al vecchio ospedale, ora l'obiettivo è trasferire tutte le attività ambulatoriali sul colle

    • Cronaca

      Solo ieri l'arresto, nella notte nuovo furto al liceo Scientifico

    • Video

      Video | Benvenuti in via Piaggio: la strada colabrodo

    • Cronaca

      Fra pochi giorni saranno coperti i fasci del teatro Fenaroli: furono posizionati nel 1998

    I più letti della settimana

    • Perano, investito mentre attraversa la strada: muore a 53 anni

    • Incidente stradale ad Ancona: muore finanziere della provincia di Chieti

    • Si schianta contro un'automobile, centauro in gravi condizioni

    • Perde il controllo del trattore e muore schiacciato mentre torna a casa

    • Si è spento Vittorio Storto: fondò il bar Impero sul corso

    • Teatino evade dai domiciliari e si costituisce a Venezia: "Mia mamma è andata in Messico, meglio in carcere che solo"

    Torna su
    ChietiToday è in caricamento