Pesca di frodo: 4000 ricci sequestrati e rigettati in mare

Polizia stradale e guardia costiera fermano nella notte tre pescatori sportivi al casello della A14: per loro 4 mila euro di multa

La Sottosezione Polizia Stradale Vasto Sud e la Guardia Costiera di Vasto hanno sequestrato nella notte circa 4000 ricci di mare dall’auto tre pescatori sportivi provenienti dalla Puglia. La Opel Zafira sulla quale viaggiavano è stata fermata al casello di Vasto Sud della A14: a bordo, oltre agli esemplari (secondo la normativa vigente il numero massimo di ricci consentito pescare è di 50 per ogni pescatore sportivo), gli agenti hanno trovato bombole, erogatori e mute per l'immersione che hanno sequestrato.

I tre sono stati sanzionati per pesca di frodo e dovranno pagare 4 mila euro di multa. I ricci, dopo i controlli di competenza del Servizio veterinario dell'Asl Lanciano Vasto Chieti, sono stati rigettati in mare dal personale dell'Ufficio circondariale marittimo di Vasto.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Video

      Video I Buon 25 aprile: il ricordo della Resistenza in provincia di Chieti

    • Politica

      L'Anticorruzione ferma il nuovo ospedale ma per D'Alfonso è tutto chiaro

    • Cronaca

      Rapina al distributore di benzina: puntano la pistola e si fanno consegnare i soldi

    • Economia

      La Honda di Atessa produce il milionesimo scooter della sua storia

    I più letti della settimana

    • Scontro frontale in viale Amendola, traffico in tilt

    • Incidente provocato da un cinghiale: Regione condannata a risarcire automobilista

    • Diciotto furti in un anno: arrestato nell'abitazione occupata abusivamente a Mater Domini

    • Arrestato il ladro di profumi: il colpo a bordo del furgone rubato poco prima

    • Un prodotto artigianale teatino protegge i trofei dell'Eurobasket: è il flight case della Music&Light Service

    • Il cammino del silenzio, il libro e i corsi di Fra Emiliano per uscire da una società malata di rumori

    Torna su
    ChietiToday è in caricamento