Deridevano alunni delle elementari, due maestre condannate per maltrattamenti

Gli episodi contestati risalgono a sei anni fa, nella scuola primaria di Cupello. Le due insegnanti vastesi condannate in primo grado a 2 anni e a 1 anno e 9 mesi

Una brutta storia di maltrattamenti nel luogo più sicuro in cui bimbo possa trovarsi, la scuola, si è conclusa con due condanne a 2 anni e a 1 anno e 9 mesi di reclusione, a carico di due maestre vastesi. 

Alle due insegnanti viene contestato il maltrattamento di due alunni che all’epoca dei fatti, sei anni fa, frequentavano la scuola elementare di Cupello. La sentenza della giudice Rosanna Buri, inoltre, ha condannato anche il ministero dell’Istruzione, che dovrà risarcire le famiglie dei due bambini maltrattati. 

I fatti, come detto, risalgono a sei anni fa ed emersero quando un o dei due alunni, che frequentava la terza elementare, disse alla mamma che voleva morire. Il bambino era dislessico, avrebbe avuto bisogno di aiuto da parte degli insegnanti ma, secondo quanto ricostruito dal tribunale, veniva denigrato e preso in giro. Dopodiché, si scoprì che anche un secondo bambino, originario della Campania, era offeso dalle insegnanti. 

Immediatamente scattarono le denunce e le indagini. Le intercettazioni ambientali confermarono il racconto dei due bambini. E ora è arrivata la sentenza di primo grado, che riconosce colpevoli le insegnanti, le quali presenteranno sicuramente ricorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in bilico sullo strapiombo, tragedia sfiorata in via della Liberazione

  • Il principe Alberto di Monaco in visita privata alle tenute Masciarelli

  • Mercatini natalizi a Chieti, per respirare la magica atmosfera delle feste

  • Fuggono all'alt della polizia, folle inseguimento in centro sul motorino rubato

  • Natale 2019: tra giochi di luce e un'atmosfera da sogno si è riaccesa la villa di Lido Riccio

  • Scappa alla vista dei carabinieri, poi li prende a calci e pugni: addosso aveva gioielli rubati

Torna su
ChietiToday è in caricamento