Lanciano, ubriaco alla guida causa incidente e viene denunciato

Sulla provinciale nel comune di Sant'Eusanio del Sangro in curva, ha quasi travolto frontalmente un'auto che si è ribaltata più volte sulla corsia opposta: i due occupanti sono finiti in ospedale

Un 33enne di Lanciano è stato denunciato dai carabinieri del Nucleo Radiomobile con l’accusa di guida in stato di ebrezza. L’uomo, la scorsa notte, mentre percorreva la strada Provinciale nel comune di Sant’Eusanio del Sangro, nell’affrontare una curva, ha quasi travolto frontalmente un’auto che sopraggiungeva nel verso di marcia opposto.

Il 33enne, dopo l’impatto, non ha riportato alcun trauma mentre gli occupanti dell’altra vettura, che si è ribaltata più volte terminando la marcia nel terreno adiacente la carreggiata, sono stati trasportati al vicino ospedale: uno dei due è tuttora in osservazione mentre l’altro ha avuto una prognosi di 10 giorni.

I carabinieri hanno accertato che il denunciato aveva un tasso alcolemico ben oltre i limiti consentiti dalla legge.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Dipendente di Teateservizi minaccia di darsi fuoco, il sindaco: "Gesto da condannare, la soluzione c'era"

  • Cronaca

    Incendio in un appartamento: anziano di Chieti muore soffocato dal fumo

  • Cronaca

    Ragazzino morso dal suo cane: "È stata una reazione all'anestesia, è un esemplare addestrato per la ricerca di persone"

  • Cronaca

    Studenti chiedono la riapertura del campetto in Via Pescara

I più letti della settimana

  • Scossa di terremoto nel chietino all'alba

  • Muore sul raccordo autostradale di ritorno da un viaggio con la famiglia

  • Fondo Valle Alento, disposti i prossimi controlli elettronici alla velocità

  • Si scambiano cocaina davanti al centro commerciale, ma vengono sorpresi dai carabinieri: un arresto

  • Incendio a Villa Serena: morti due pazienti del chietino

  • Batte la testa a scuola durante la lezione: studente trasferito in elisoccorso all'ospedale

Torna su
ChietiToday è in caricamento