Fresagrandinaria: bambina ustionata con il siero del latte

La piccola è stata ricoverata al Bambin Gesù. E' il secondo episodio del genere che si verifica, nel giro di poco tempo, nel vastese: qualche giorno fa era toccato a Casalbordino

Tragedia sfiorata a Fresagrandinaria, dove una bambina di due anni e mezzo ha riportato ustioni agli arti inferiori dopo essersi rovesciata sulle gambe il siero del latte che era all'interno di un contenitore bollente. Al momento dell'incidente, avvenuto questa mattina, la minore stava giocando nell'azienda di famiglia.

Subito trasportata in ambulanza all'ospedale 'San Pio' di Vasto, la piccola paziente è stata successivamente condotta con l'elicottero al Reparto Grandi Ustionati del Bambin Gesù di Roma. Non corre pericolo di vita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' questo il secondo episodio del genere che si verifica, nel giro di poco tempo, nel vastese: qualche giorno fa, infatti, a Casalbordino un bimbo di due anni era rimasto ustionato versandosi addosso del latte bollente in un agriturismo. Anche per lui si era reso necessario il trasferimento in un centro specializzato (il Gemelli di Roma).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso in casa, muore a 39 anni tecnico informatico

  • Schianto mortale lungo la Tiburtina: motociclista di Chieti perde la vita

  • Dolore e sgomento per la morte di Ottavio De Fazio, il motociclista caduto durante un'uscita

  • In Abruzzo arrivano i Condhotel, stanze d'albergo vendute ai privati

  • L'Abruzzo scelto per la sperimentazione dell'app Immuni con Liguria e Puglia, si parte a giugno

  • Smantellata la rete che riforniva di droga la provincia di Chieti: arrestate 13 persone

Torna su
ChietiToday è in caricamento