Lanciano: donati reni e cornee, andranno a pazienti dell'ospedale dell'Aquila

La notte scorsa da un paziente di 50 anni, arrivato al Renzetti con una grave emorragia cerebrale, sono stati espiantati gli organi dopo l'accertamento di morte cerebrale e il consenso della famiglia. Il fegato, che sarebbe dovuto andare a Bologna, era però compromesso

Un uomo di 50 anni di Lanciano, morto dopo alcuni giorni di ricovero in Rianimazione all’ospedale Renzetti, ha donato reni e cornee. L’espianto è avventuo la scorsa notte, dopo le procedure che hanno portato all’accertamento di morte cerebrale, avviate dopo che gli esami neurologici e fisiologici avevano evidenziato la cessazione dell’attività encefalica.

Gli organi sono stati prelevati da un'équipe dell'ospedale dell'Aquila. Il fegato era stato destinato a Bologna, ma l’equipe del capoluogo emiliano, arrivata appositamente a Lanciano, ha dovuto rinunciare a espiantare perché l’organo era gravemente compromesso, anche per problemi di salute preesistenti del paziente.

L’uomo, abruzzese, era arrivato pochi giorni fa in ospedale: le sue condizioni erano gravissime a causa di un’emorragia cerebrale molto estese. Ieri mattina (sabato 7 febbraio) il responsabile della Rianimazione, Donato Giordano, dopo alcuni esami diagnostici ha constatato per primo l’assenza di attività cerebrale. A quel punto i familiari hanno acconsentito alla donazione e sono state avviate le procedure necessarie per l’espianto, ance con il coordinatore dei prelievi, Fabrizio Fumarola.

Al termine del periodo di osservazione e dopo che il collegio di medici appositamente costituito ha dichiarato lo stato definitivo e irreversibile di morte cerebrale, è stato eseguito l'espianto.

"In situazioni di questo genere è fondamentale il ruolo dei medici della Rianimazione - sottolinea Luigi Vitacolonna, direttore dell'unità operativa di Anestesia e Rianimazione dell'ospedale di Lanciano - che devono assicurare al paziente le migliori condizioni possibili per sopportare il prelievo. Un contributo importante è stato offerto anche dal personale della sala operatoria: insomma abbiamo fatto un lavoro di squadra per concretizzare un atto di generosità che darà una nuova speranza di vita ad altri malati". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli organi donati saranno utilizzati dall'ospedale dell'Aquila.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Se ne è andata la professoressa Lea Curti Pancella

  • Coronavirus: 116 nuovi casi in Abruzzo, 40 in provincia di Chieti

  • Coronavirus: dimesso dall'ospedale un paziente trattato con il farmaco sperimentale Tocilizumab

  • Rallentano i decessi: cinque anziani morti nelle ultime ore, uno è di Ortona

  • Coronavirus in Abruzzo, Marsilio: "Un pizzico di speranza dai dati dei nuovi contagi"

Torna su
ChietiToday è in caricamento