La memoria del terremoto dell'Aquila nel decennale con il ricordo di Ilaria Rambaldi

Si chiama  “Commissione Grandi Rischi: quale Verità e quale giustizia?” l'incontro pubblico in programma a Vasto

Ilaria Rambaldi

Nel decennale del terremoto dell'Aquila, l'associazione Ilaria Rambaldi Onlus (intitolata alla memoria della giovane studentessa di Lanciano morta il 6 aprile 2009), l'associazione Antimafie Rita Atria, il Movimento Agende Rosse “P. Borsellino-G. Falcone” Abruzzo, PeaceLink Abruzzo organizzano l'incontro pubblico “Commissione Grandi Rischi: quale Verità e quale giustizia?”. L'appuntamento è per giovedì 13 giugno, alle ore 18, nell'auditorium dell'Agenzia per la Promozione Culturale di Vasto, in via Michetti 63.

L'incontro è organizzato per ricostruire 

la Memoria insieme a chi, nei terribili giorni del terremoto aquilano del 2009, ha subito lutti e dolori, portando avanti la lotta per verità e giustizia su quanto accaduto prima, durante e dopo le scosse di quella notte maledetta. Voci che, in occasione delle commemorazioni del decennale, non hanno avuto il giusto spazio.

Si parlerà della commissione Grandi Rischi, sul ruolo avuto nelle settimane precedenti il 6 aprile 2009 e  suquanto accaduto dopo nei processi. Interverranno l’avvocato Maria Grazia Piccinini, presidente dell’associazione Ilaria Rambaldi Onlus, il professor Francesco Giovanni Maria Stoppa e Daniela Senepa, inviata speciale della Rai.

L’associazione Ilaria Rambaldi Onlus, che ricorda la giovane studentessa di Ingegneria Edile-Architettura dell’Università dell’Aquila strappata alla vita nel crollo dell’edificio in cui viveva all’Aquila, in Via Campo di Fossa, è nata con lo scopo di riproporre costantemente tutti gli argomenti connessi all’importanza della prevenzione di eventi sismici catastrofici, come quello verificatosi nel 6 aprile 2009, soprattutto considerando la natura altamente sismica del territorio italiano.

Il Movimento delle Agende Rosse riannoda un filo importante dell’impegno costante di questi anni per la Giustizia. Ad un anno dal sisma, quando il Movimento era nato non da molto, attivisti di tutta Italia parteciparono all’Aquila al Presidio della Memoria. Nell’intervento video di partecipazione all’evento Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo e fondatore del Movimento delle Agende Rosse, denunciò “l’insipienza e l’avidità” di chi all’Aquila aveva costruito “senza tenere conto della sicurezza, ma tenendo conto solo della propria avidità di guadagno” e che “tante vite avrebbero potuto essere salvate se si fosse tenuto conto dei tanti  segnali premonitori, se l’allarme fosse stato dato per tempo”.

L’associazione Antimafie Rita Atria e PeaceLink Abruzzo, anche a Vasto, in questi anni hanno cercato di ricordare chi è morto per la giustizia (come Roberto Mancini, il poliziotto che indagò tra i primi sulla “Terra dei Fuochi”) e di denunciare e documentare i rapporti tra le mafie e vari settori della società, le connivenze e omertà che favoriscono il crescere di ingiustizie, mafie, criminalità varie.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta in curva: arrivano i vigili del fuoco per estrarre il conducente dalle lamiere

  • Alcol e droga, strage di patenti: la Polstrada ne ritira 8 in una notte

  • La Nottata lancianese e la notte bianca dello Scalo: il programma del weekend

  • Piante di marijuana alte due metri lungo il fiume Pescara: arrestati padre e figlio

  • Fuma una "canna" con gli amici alla villa, ma ha 12 dosi di marijuana nel marsupio: denunciato

  • Ciclista originario della provincia di Chieti muore a Roma dopo essere stato investito

Torna su
ChietiToday è in caricamento