Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | I lavoratori della scuola (mense e pulizie) in piazza: "Vogliamo certezze per il futuro"

A sostenere e promuovere la manifestazione degli operatori scolastici i sindacati Cgil-Filcams, Cisl-Fisascat e Uil-Tucs

 

I lavoratori abruzzesi delle mense e del settore pulizie della scuola sono scesi in piazza a Pescara questa mattina, mercoledì 24 giugno, per protestare e per chiedere certezze riguardo al loro futuro.
A sostenere e promuovere la manifestazione degli operatori scolastici i sindacati Cgil-Filcams, Cisl-Fisascat e Uil-Tucs.

Lo scopo della mobilitazione è quello di porre l'attenzione sulla situazione di grave indigenza in cui sono costretti questi lavoratori in seguito alle misure di contenimento della pandemia da Covid-19 e sulle possibili ripercussioni occupazionali per il futuro. 

Nella nostra regione sono circa 4 mila i lavoratori coinvolti in questa situazione e i sindacati chiedono un intervento rapido prima che la situazione diventi una vera e propria emergenza sociale. 
Queste le richieste consegnate al vice prefetto vicario di Pescara perché si faccia portavoce con il presidente del Consiglio affinché:

  • vengano snellite le procedure e venga garantita celerità nel pagamento di cassa integrazione guadagno in deroga e assegno ordinario;
  • vengano individuati ulteriori ammortizzatori sociali per l'emergenza Covid-19, fino a 27 settimane complessive, e/o misure di sostegno al reddito che diano copertura perlomeno per tutto il periodo estivo;
  • venga introdotta una riforma complessiva degli ammortizzatori sociali del settore che dia certezze di continuità di reddito e copertura contributiva per tutti i lavoratori che subiscono una sospensione dell'attività lavorativa in determinati periodi (cosiddetti part-time ciclici);
  • venga garantita maggiore salubrità degli edifici scolastici attraverso il rafforzamento del servizio di pulizia;
  • si faccia tutto il possibile perché le scuole vengano messe in sicurezza e vi sia una riattivazione completa delle attività scolastiche "in presenza" a partire dal prossimo settembre e che non vengano escluse le attività di mensa che sono a tutti gli effetti parte dell'offerta formativa, nonché garanzia di corretta e salutare alimentazione dei nostri figli;
  • venga eliminato il vincolo che esclude ai lavoratori degli appalti di imprese private l'accesso agli ammortizzatori sociali ordinari, se non attivati anche dalle imprese committenti.

Copyright 2020 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
ChietiToday è in caricamento