Video I Presidio di protesta di fronte al Marrucino: i fondi regionali non arrivano, il sipario resta abbassato

Ieri mattina si è svolta la manifestazione in "difesa del teatro" convocata dal Sindaco di Chieti. Presente anche la consigliera pentastellata Sara Marcozzi

“Tutti davanti al Marrucino per far sentire forte la voce di Chieti in difesa del suo teatro”. Questo il significato della manifestazione indetta del Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio che si è svolta ieri mattina a partire dalle 11 e 30.

"La delibera adottata dal Presidente vicario della Regione, Giovanni Lolli – spiega il Sindaco -  è un esame di riparazione andato male: al momento, infatti, l’atto regionale non garantisce l’erogazione delle somme che spettano al teatro ma continua a prometterle. Nulla si dice del contributo straordinario di 200mila euro per il bicentenario promesso da D’Alfonso, Lolli e Paolucci, mentre i 300mila euro che avremmo già dovuto ricevere quale contributo ordinario relativo all’anno 2018 continuano, di fatto, ad essere una promessa.
Solo davanti al reale versamento dei 500mila euro ovvero a concreti atti amministrativi che ne attestino l’erogazione in favore del Teatro potremo dire che sono stati rispettati dalla Regione la città di Chieti e il suo teatro e che le attività del Marrucino del 2018 sono salve".

Presente anche la consigliera regionale dei 5 stelle Sara Marcozzi che ha avuto una scambio di opinioni con Di Primo sulla questione responsabilità relativa ai contributi da erogare al teatro. 

 “Chieti e l’Abruzzo - dichiara Sara Marcozzi - hanno bisogno di un Governo regionale che dica la verità ai cittadini, che li liberi dalla costrizione di dover sempre chiedere un favore al politico di turno e che assegni in maniera strutturale e certa i fondi necessari alla cultura e alla promozione delle più importanti istituzioni culturali della nostra regione,  per permettere una programmazione seria delle attività”. 

Video popolari

Video I Presidio di protesta di fronte al Marrucino: i fondi regionali non arrivano, il sipario resta abbassato

ChietiToday è in caricamento