Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Giornate Fai d’Autunno”: alla scoperta delle bellezze di Chieti e della sua Provincia

Sabato 13 e domenica 14 ottobre, dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 17.30, accompagnati da studenti delle scuole e volontari Fai, si conosceranno da vicino i “tesori” di Chieti, Casoli, Ortona e Pennapiedimonte

 

Questa mattina, nella la sala giunta della Provincia di Chieti, sono state presentate le due "Giornate Fai d'Autunno".  Presenti il capo delegazione Fai Chieti Roberto Di Monte, il Presidente della Provincia di Chieti Mario Pupillo, l’assessore alle attività produttive del comune di Chieti, Carla Di Biase, il sindaco di Pennapiedimonte Giuseppe Di Giorgio, il vice sindaco di Ortona Vincenzo Polidori

“Recupero è il termine chiave di questa due giorni – ha detto il capo delegazione Fai di Chieti Roberto Di Monte, recupero del territorio per l’esattezza, vogliamo far scoprire ai cittadini quello che abbiamo, recuperare e valorizzare significa creare un indotto per la cultura, i percorsi sono tutti gratuiti e senza prenotazione, importante però, anche la contestuale raccolta fondi, su base volontaria, perché il Fai reinveste sul territorio quello che raccoglie e il desiderio è di avere, anche nella nostra Provincia, un luogo da adottare e rendere fruibile a tutti”.

Sono stati illustrati nel dettaglio, tutti i percorsi che caratterizzeranno le Giornate Fai d’Autunno.

Ad Ortona ci sarà un affascinante viaggio alla scoperta del centro storico che partirà dal castello aragonese, passerà per lo storico quartiere di Terravecchia e si concluderà a Palazzo Farnese.

A Casoli, nella frazione Piano Laroma, al centro dell’attenzione l’ antica Cluviae. Attraverso le visite nel sito archeologico si conoscerà meglio l’insediamento risalente al IV scolo a.c., un “municipium” romano di grandi dimensioni. Tra le particolarità da ammirare anche un mosaico policromo davvero raro per l’epoca.

A Chieti si andrà a caccia di misteri e arte nel Cimitero Monumentale . Tante infatti le sculture presenti realizzate, a cavallo di due scoli, da grandissimi artisti abruzzesi, tra questi Costantino Barbella, Nicola D’Antino e Giovanni Feneziani. Autori di capolavori poco conosciuti del IXX e XX secolo.

A Pennapiedimonte, infine, ci sarà la riscoperta del borgo scavato nella roccia. L’affascinante paese dell’entroterra teatino, posto all’interno del Parco Nazionale della Majella, si farà conoscere attraverso le case ed i frantoi rupestri, e grazie alle botteghe artigiane. L’antica arte degli scalpellini sarà rivissuta attraverso l’approfondimento della figura di un grande artista come Felice Giuliante. Saranno aperte anche la Torre Romana e la Chiesa intitolata a San Silvestro e San Rocco

“Giovani ciceroni”, dopo aver concluso un percorso di formazione, accompagneranno cittadini e turisti lungo tutti i percorsi. A Chieti ci saranno gli studenti dell’ITCG Galiani – De Sterlich ad Ortona quelli dell’ITC Einaudi e dell’Istituto Professionale Industria e Artigianato Marconi (Istituto di Istruzione Superiore Acciaiuoli – Einaudi), a Pennapiedimonti gli allievi del liceo scientifico di Guardiagrele (Istituto omnicomprensivo Nicola da Gaurdiagrele). Nella frazione Piano Laroma di Casoli le visite saranno a cura dei volontari Fai.

In occasione delle due giornate FAI d'autunno del 13 e 14 ottobre la delegazione di FAI di Chieti, coadiuvata dall'associazione Coaperp Pennapiedimonte e FIAF di Chieti , organizzano un'estemporanea fotografica. Sarà possibile partecipare in tutti i percorsi, Maggiori dettagli e info sulla pagina facebook “Fai Delegazione di Chieti”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ChietiToday è in caricamento