Sport

Pugno duro della Fipav: radiato il presidente della Pallavolo Teatina Simon Brunn

La decisione, presa lo scorso 14 novembre, è stata resa nota alla vigilia della sfida casalinga con Modica

Decisione durissima del tribunale federale della Fipav (Federazione italiana pallavolo) nei confronti di Simon Brunn-Schulte-Wissing, presidente della Pallavolo Teatina: il 37enne ex giocatore è stato radiato. Si tratta della sanzione più grave nel mondo sportivo. 

Secondo l'organigramma della società, Simon Brunn, oltre a ricoprire il ruolo di presidente anche dello staff di serie B, è allenatore del settore under 16 e under 14. 

La decisione, arrivata nella riunione dello scorso 14 novembre, è stata resa nota ieri, alla vigilia della sfida casalinga contro Modica, con il comunicato numero 28 sul sito della Fipav. Dopo l'apertura di un procedimento disciplinare, il collegio composto da Massimo Rosi (presidente), Antonio Amato (vice) e Antonio Mennuni (componente), ha deciso per la radiazione. 

Il documento, però, è censurato con alcuni "omissis", dunque non sono note le ragioni di questa decisione, ma è verosimile che si tratti di questioni di una certa gravità.

Il regolamento della federazione di pallavolo, all'articolo 98, spiega che 

1. La radiazione consiste nell'esclusione dalla Fipav in via definitiva.

2. La radiazione può essere inflitta per condotte, anche omissive, degli associati e dei tesserati della Fipav, di tale gravità, che rendano inammissibile la permanenza del loro autore nell'ambito della Fipav.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pugno duro della Fipav: radiato il presidente della Pallavolo Teatina Simon Brunn

ChietiToday è in caricamento