Sport

Premio Rocky Marciano 2016, è Leonard Bundu il "pugile dell'anno"

Il pugile nato in Sierra Leone ma naturalizzato italiano sarà a Ripa Teatina, il 16 luglio, per il ritiro del premio

La giuria tecnica del Premio Rocky Marciano di Ripa Teatina, presieduta dal giornalista Giuliano Orlando e riunitasi mercoledì sera, ha deliberato il nome del vincitore del premio “il pugile dell’anno”: si tratta di Leonard Bundu, pugile categoria pesi welter nato in Sierra Leone ma naturalizzato italiano e conosciuto con il soprannome di “il fiorentino d’Africa”. Bundu nella sua carriera sul ring ha vinto per ben cinque volte il titolo europeo welter EBU, ultimo in ordine di tempo datato primo agosto 2014 in Inghilterra contro Frankie Gavin. Il 13 dicembre 2014 sale sul ring a Las Vegas per contendere al giovane statunitense Thurman il titolo mondiale welter WBA ma perde ai punti.

Bundu sarà dunque a Ripa Teatina, insieme a Gianni Rivera, il prossimo 16 luglio, ultimo dei quattro giorni che il comitato organizzatore guidato dal sindaco di Ripa Ignazio Rucci e l’assessore allo sport Gianluca Palladinetti hanno predisposto per la dodicesima edizione dell’evento. La giuria tecnica tornerà a riunirsi tra quindici giorni con l’obiettivo di selezionare il vincitore del premio “lo sportivo abruzzese dell’anno”.

Per quanto riguarda le iniziative collaterali al Premio sono confermate per il giorno 13 luglio la riunione di boxe interregionale Abruzzo-Lombardia tra la pugilistica Diodato di Chieti e la pugilistica Rocky Marciano di Cinisello Balsamo mentre le serate del 14 e 15 luglio saranno dedicate al primo festival della letteratura sportiva con ospiti illustri tra scrittori, giornalisti e sportivi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio Rocky Marciano 2016, è Leonard Bundu il "pugile dell'anno"

ChietiToday è in caricamento