Petizione a favore di Andrea Iannone dopo la squalifica per doping

Su change.org è possibile sottoscrivere l'appello "contro la sentenza del Tas" che ha squalificato il pilota vastese per 4 anni dalle gare

Una petizione lanciata su change.org a favore di Andrea Iannone. I promotori chiedono l'annullamento della sentenza da parte del Tribunale Arbitrale dello Sport - TAS di Losanna sul caso di doping legato al pilota di Motogp vastese, che è stato squalificato per quattro anni con decorrenza dal 17 dicembre 2019.

Tutti i risultati ottenuti da Iannone a partire dal 1° novembre 2019 sono da considerarsi non validi, incluse le medaglie, i punti e i premi.

"Nella prima sentenza - si legge nell'appello - Andrea Iannone era stato condannato a 18 mesi di sospensione, che sarebbero scaduti il 16 giugno 2021, nonostante la presenza della sostanza dopante (Drostanolone) fosse dovuta ad una contaminazione alimentare derivante dalla carne mangiata da Andrea alla vigilia del Gran Premio della Malesia nel novembre 2019. Il 15 ottobre 2020 Iannone si era presentato al TAS per l'appello contro la sospensione iniziale di 18 mesi. Il CAS - Court of Arbitration for Sport, ha però respinto il ricorso accogliendo la richiesta dell’Agenzia mondiale antidoping - WADA (World Anti-Doping Agency) di inasprire la pena a 4 anni.

Una situazione che come sottolineato dai promotori obbliga Iannone a non poter "tornare in pista prima del dicembre 2023, quando avrà 34 anni e quando presumibilmente la sua carriera da pilota sarà definitivamente compromessa. Noi non ci stiamo e vogliamo vedere annullata questa sentenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

Torna su
ChietiToday è in caricamento