menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“A causa della mia disabilità non ero mai salita su una bici", oggi è nella squadra di paraciclismo

A mettere su il gruppo del Maniga paracycling team è stato il ciclista Luca Pizzi, più volte campione del mondo e vincitore delle Olimpiadi di Londra

“A causa della mia disabilità non ero mai salita su una bici. Quando mi è stato proposto di farlo mi è sembrata una sfida difficile, impossibile, e quindi assolutamente da tentare”. Lorena Ziccardi, 34 anni, molisana d'origine ma residente a Lanciano, è uno degli atleti del Maniga paracycling team, squadra di paraciclismo nata pochi mesi fa e che è stata presentata ufficialmente l'altro ieri a San Vito Chietino.

A mettere su il gruppo è stato il ciclista Luca Pizzi, più volte campione del mondo e vincitore delle Olimpiadi di Londra assieme al fratello Ivano nel ciclismo paralimpico, specialità tandem. “Sono stato per diversi anni nel mondo paralimpico, con la Nazionale, tra sfide, emozioni e grandi vittorie internazionali – spiega Pizzi – e mi è rimasto nel cuore. Lasciata l'attività agonistica ho deciso di mettere su un mio team con l'intento di offrire un'opportunità a invalidi e disabili. Il gruppo – aggiunge il ciclista – per ora è formato da 18 atleti, di cui fanno parte anche normodotati".

Ziccardi, atleta della Nazionale femminile di basket in carrozzina, nonostante finora non fosse “mai salita su una bici”, ha già conquistato in due occasioni la maglia tricolore. Della squadra di paraciclismo fanno parte, inoltre, gli abruzzesi Domenico Fantini, 23 anni di Lanciano, rimasto invalido a causa di un incidente in moto del 2014 in cui ha riportato gravissime lesioni alla colonna vertebrale; Alberto Del Ry, di San Vito, affetto da malattia degenerante; Alberto Catena, di Ortona, che ha subito l'amputazione di un arto a seguito di un incidente sul lavoro.

“Si tratta di una opportunità importante – afferma Fantini - che ci rimette in gioco e ci prepara ogni volta a nuove sfide. E poi, insieme, ci divertiamo”.

“E' difficile andare avanti con una disabilità importante – aggiunge Catena – e fare sport significa trovare nuovi stimoli".

"Da piccolo adoravo andare in bici, una passione che mi è stata trasmessa da mio padre – sottolinea  Del Ry – e adesso ho riscoperto quelle sensazioni”. La stagione  sportiva è all'inizio con le imminenti prove del campionato italiano (una delle quali si terrà nelle prossime settimane a Francavilla al Mare) e le gare di Coppa Europa. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento