rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Sport Lanciano

Lanciano-Bari 1-0 | La Virtus guarda tutti dall'alto in basso

La squadra di Baroni batte anche i galletti e, in attesa delle partite di Empoli e Cesena, sale al primo posto in classifica. Ora è lecito pensare in grande

E' proprio il caso di dire "salutate la capolista": la Virtus tutta grinta e cuore, quella che l'anno scorso è riuscita a salvarsi grazie a un orgoglio che l'ha portata a non mollare mai, batte il Bari tra le mura amiche e sale al primo posto in classifica. A questo punto è lecito pensare in grande.

Il goal che fa esplodere il Biondi e che vale il momentaneo primato (in attesa delle gare di Empoli e Cesena) lo segna Minotti quando il risultato sembra ormai avviarsi verso un tranquillo pareggio: è infatti al 41' del secondo tempo che il giocatore frentano, entrato in campo da appena un minuto, la butta dentro di testa beffando Guarna sugli sviluppi di un calcio piazzato.

IL MATCH - Allo stadio di Lanciano si ritrovano, l'una contro l'altra, le due rivelazioni del campionato di Serie B: i padroni di casa sono imbattuti e veleggiano al secondo posto, a pari punti con il Cesena e a sole due lunghezze dalla vetta occupata dall'Empoli, mentre i pugliesi provengono da tre vittorie consecutive (tra cui quella all'Adriatico ai danni del Pescara) che hanno riportato entusiasmo in una piazza un po' demoralizzata dalle ultime vicissitudini societarie.

Pronti via, al 3’ Sciaudone lascia partire un diagonale che fa la barba al palo, mentre al 12’ Galano è autore di una punizione che si spegne a lato. Al 16’ tocca ai rossoneri farsi sotto: ci pensa Thiam, che però spedisce fuori. Nella ripresa la Virtus cambia approccio e diventa più aggressiva, forse anche più convinta dei propri mezzi, schiacciando gli ospiti nella loro trequarti soprattutto durante il primo quarto d’ora. Al 10’ Falcinelli becca in pieno il legno, mentre sul fronte avversario Defendi sciupa due occasioni, al 22’ e al 28’. Al 41', come detto, arriva la bella rete di Minotti che vale la vittoria e il primato solitario del Lanciano.

ONORE AI FRENTANI - E' la quarta volta in questo torneo che gli uomini di Baroni si impongono per 1-0: qualcosa vorrà pur dire. Questa, infatti, è una squadra che non perdona e che ha sempre "fame". Ironia della sorte, la posizione di classifica della Virtus dipenderà ora anche dai cugini del Pescara: i biancazzurri, infatti, sono attesi lunedì a Cesena per un posticipo che dovranno cercare di vincere onde scongiurare i fantasmi di una possibile crisi. Di fatto, però, se il Delfino riuscirà a sconfiggere i romagnoli farà un favore al Lanciano perchè gli allontanerà una possibile concorrente. Il resto spetterà all'Empoli che, nella stessa giornata, andrà a fare visita all'Avellino.

IL CROCEVIA IN TESTA ALLA CLASSIFICA:

Virtus Lanciano 15
Empoli 14 *
Varese 14
Cesena 12 *

* una partita in meno

LANCIANO (4-3-3) - Sepe; De Col, Troest, Amenta, Mammarella; Di Cecco, Canarini (31’ st Buchel), Paghera; Piccolo (24’ st Gatto), Falcinelli, Thiam (40’ st Minotti). A disposizione: Nicolao, Turchi, Aquilani, Germano, Plasmati, Aridità. All. Baroni

BARI (4-3-3) - Guarna; Sabelli, Ceppitelli, Polenta, Calderoni; Sciaudone (16’ st De Falco), Fossati, Defendi; Galano, Joao Silva (5’ st Matias Alonso), Fedato (24’ st Beltrame). A diposizione: Vosnakidis, Chiosa, Marotta, Lugo, Romizi. All. Alberti

Arbitro: Chiffi di Padova

Marcatori: 41’ st Minotti (L)

Ammoniti: Piccolo (L), Sciaudone (B), Galano (B), Thiam (L), Falcinelli (L)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lanciano-Bari 1-0 | La Virtus guarda tutti dall'alto in basso

ChietiToday è in caricamento