rotate-mobile
Sport Bucchianico

La Granfondo San Camillo De Lellis nelle mani di Donato D’Aurora e Maria Grazia Cornacchia

La manifestazione, allestita dal Bike Team Bucchianico, si è svolta su un percorso di 43 chilometri interamente ricavato nell’entroterra teatino con un continuo su e giù per le colline di Bucchianico, Casalincontrada, Roccamontepiano e Fara Filiorum Petri

Domenica positiva a Bucchianico per la Granfondo San Camillo de Lellis di mountain bike. La manifestazione, allestita dal Bike Team Bucchianico, si è svolta su un percorso di 43 chilometri interamente ricavato nell’entroterra teatino con un continuo su e giù per le colline di Bucchianico, Casalincontrada, Roccamontepiano e Fara Filiorum Petri, all’ombra della Maiella, con il fondo sterrato in buone condizioni nonostante le piogge dei giorni recenti.

Un centinaio i partecipanti da tutta la regione, dal Trentino e dalle Marche per la gara fuoristrada, penultima prova di Abruzzo Mtb Cup, terzo ed ultimo appuntamento del Trofeo Itas MTB 2015. Ed è stata una cavalcata trionfale per Donato D’Aurora e Alessandro Valente: la coppia della Bike Pro Bottecchia ha condotto la gara sin dalle prime fasi, tagliando il traguardo insieme con Manuel Ciaffone (Master Cycling) sul terzo gradino del podio con un gap di circa 5 minuti.

Maria Grazia Cornacchia (Squadra Corse Freebike) è stata la leader al femminile riuscendo ad avere la meglio sulla specialista delle gare endurance Sandra Lever (Asd Vertical Sport), più defilate Daniela Ranaudo (Bike Team Bucchianico), Valentina Verini (Casteltrosino Superbike) e Paola Piattelli (Bike Pro Bottecchia).

Oltre a D’Aurora (open), Valente (élite sport), Ciaffone (master 2) e Cornacchia (donne), primati di categoria ad appannaggio di Fabio Seia (Polisportiva San Giorgio) tra i master 5, Attilio Pignotti (D’Ascenzo Bike) tra i master 4, Francesco Petrini (Alfamedika Vini Biagi) tra gli juniores, Roberto PRofico (Bike Pro Bottecchia) tra i master 3, Claudio Rapacchiani (Bike&Dream) tra i master 1 ed Emidio Ianni (Bike 99) tra i master over. In gara anche l’azzurro del paraciclismo Pierpaolo Addesi, (Team Go Fast) campione italiano in carica su strada, che si è ben difeso sullo sterrato arrivando a 15 minuti dalla coppia dei fuggitivi e nono di categoria tra i master 2.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Granfondo San Camillo De Lellis nelle mani di Donato D’Aurora e Maria Grazia Cornacchia

ChietiToday è in caricamento