Martedì, 19 Ottobre 2021
Sport

I novant'anni della Chieti Calcio: una giornata da incorniciare / FOTO

Una festa indimenticabile, quella di domenica per il novantesimo compleanno della società sportiva. La città era gremita di tifosi e cittadini che hanno riempito le strade principali di orgoglio neroverde

Se il bel tempo si vede dal mattino, la festa doveva avere successo.

Alle ore 10.30, alla Villa Comunale, all’interno della Casina dei Tigli, è stata esposta per i cittadini, una mostra fotografica di maglie storiche.

Un pubblico curioso di genitori con figli, nonni, giovani, ha apprezzato le foto e più di uno, di una certa età, si è ritrovato con meraviglia in esse.

 Alle ore 15, allo stadio Angelini la partita stravinta dal Chieti, ha caricato i tifosi, che tornati in città, piano piano, hanno riempito la gradinata del museo della Civitella, luogo di ritrovo per organizzare  la festa.

 Una dilagare di bandiere, un boato di cori organizzati da un ultras, la luce dei petardi che illuminavano con i colori intensi lo spazio.

Alle ore 19.22, con la stessa carica emotiva, gli ultras sono scesi in strada per organizzare la sfilata.


 

In pochi minuti, con un’organizzazione seria, gli ultras si sono sistemati senza litigi dietro lo striscione, le forze dell’ordine hanno regolato il traffico e controllato la legalità della manifestazione.

Si parte! Via Vernia, e man mano che ci si avvicinava a
Piazza Trento e Trieste un magnifico spettacolo si è mostrato al corteo, tanti cittadini ad aspettare.

Viale IV Novembre gremito dall’insieme degli ultras e dai cittadini che, entusiasmati  dall’atmosfera, dai canti, dalla luce dei petardi, si sono uniti al corteo e hanno cantato i vari inni.

A piazza Mazzini il corteo si è sciolto.

La festa continua…, bisogna addobbare la piazza. Sull’aiuola, di fronte la fontana, vengono stesi gli striscioni che hanno dato un tocco di pittura naif, (ingenua), all'ambiente.

Altri ultras hanno preparato il palco per ascoltare gli invitati, una bancarella per vendere i gadget e i panini con salsiccia alloggiati in un gazebo e venduti ad un prezzo competitivo.

Alle ore 20.30, la serata è proseguita con la proiezione di un video per ricordare i momenti più belli e importanti dei 90 anni.

 Massimo Lupacchini e Gianluca De Rosa hanno presentato gli artefici della storia teatina: Giustino Angeloni, che nella stagione 2006-2007 diede origine alla A.S.D. Calcio Chieti partecipando al campionato di Promozione Abruzzese (Girone B), Mario Mancaniello che con i suoi tredici anni ha lasciato un ricordo indelebile nel cuore dei tifosi, e poi Paolo Zaccagnini, Max Barni, De Matteis, Padolecchia, Marchetti e altri ancora.

Una ovazione per l'intervento di Fabio Grosso e a conclusione di una meravigliosa serata, l'intervento del primo cittadino Umberto Di Primio.

 La festa continua… sino a tarda ora, i giovani, gli ultras, gli appassionati non hanno voglia di tornare a casa.

Bella ed indimenticabile serata, trascorsa con spensieratezza, con tante famiglie con bambini piccoli che hanno partecipato e che ha fatto dimenticare, per un momento, i problemi attuali della disoccupazione giovanile, ai tanti  giovani presenti in cerca di lavoro.

 Da evidenziare la mancanza delle televisioni pubbliche e private, il menefreghismo dei quotidiani, ma con il “fai da te”, i volontari e i blogger questa festa è stata tutta documentata.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I novant'anni della Chieti Calcio: una giornata da incorniciare / FOTO

ChietiToday è in caricamento