L'ex calciatore Obodo rapito in Nigeria: il fratello gioca nella Vastese

L'ex atleta di Torino, Lecce e Fiorentina è stato rilasciato dopo quattro ore, è stato chiuso in un bagagliaio

Christian Obodo è stato rilasciato dai suoi rapitori, che lo avevano portato via mentre si trovava in auto con la sua compagna. Il calciatore ex Perugia, Torino, Udinese e Fiorentina è stato derubato di tutti i suoi averi e portato in un bosco, ma com'è andata lo ha raccontato lui stesso a Brila FM, emittente del suo paese che si occupa di argomenti di sport.

Momenti di apprensione anche a Vasto dove risiede suo fratello Kenneth, calciatore anche lui che milita nella Vastese nel campionato di serie D.

"Sono stato chiuso per quattro ore nel bagagliaio di una macchina, al caldo - ha detto Obodo -. I rapitori mi hanno detto anche di aver perso dei soldi scommettendo sulle partite della nazionale nigeriana. Non mi hanno fatto male, né minacciato, ma non capisco perché qualcuno voglia sempre farmi vivere situazioni del genere".

Obodo era già stato rapito, sempre in Nigeria, nel 2012 mentre si stava recando in chiesa, e poi rilasciato dopo il pagamento di un riscatto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

  • VIDEO - "Cambio moglie" fa tappa a Lanciano: i circensi Ferrandino protagonisti con i parrucchieri Sorrentino

Torna su
ChietiToday è in caricamento